adv-685
<< ESTERI

Impeachment: la Casa Bianca contro i testimoni

| 24 Dicembre 2019 | ESTERI

La Casa Bianca si è mostrata accondiscendente con i piani dei repubblicani del Senato per evitare nuovi testimoni nel processo di impeachment al presidente Donald Trump, mentre un alto democratico ha sequestrato una e-mail appena rilasciata sulla trattenuta degli aiuti degli Stati Uniti in Ucraina per presentare la sua richiesta di testimonianza.

La Camera dei rappresentanti a guida democratica ha approvato due accuse di impeachment contro Trump per la sua pressione sull’Ucraina per indagare su un rivale politico. Ci sono poche possibilità che venga condannato e rimosso dall’incarico attraverso un processo in un Senato controllato da compagni repubblicani.

I democratici stanno spingendo per chiamare i principali alleati di Trump a testimoniare, ma il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell vuole che il Senato prenda in considerazione il caso senza avere notizie di nuovi testimoni.

adv-433
Il maggiore democratico del Senato, Chuck Schumer, ha detto ai giornalisti di New York che una e-mail resa pubblica sabato sull’assistenza militare a Kiev ha sottolineato la necessità di testimoni.
L’e-mail, ottenuta dal Center for Public Integrity attraverso un’ingiunzione del tribunale in un caso di Freedom of Information Act, mostrava Michael Duffey, dirigente del bilancio della Casa Bianca, che dirigeva il Pentagono per trattenere l’aiuto appena 91 minuti dopo che Trump aveva concluso una telefonata il 25 luglio con il Presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy.
In testimonianza al Congresso del mese scorso, tuttavia, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Unione Europea Gordon Sondland ha dichiarato di essere stato informato per la prima volta il 18 luglio che la Casa Bianca stava trattenendo gli aiuti alla sicurezza in Ucraina. “Non sono mai stato in grado di ottenere una risposta chiara in merito al motivo specifico della sospensione”.
L’aiuto e l’appello di Trump-Zelenskiy sono al centro del caso di impeachment messo insieme dai democratici e Duffey è uno dei quattro testimoni che Schumer ha proposto di chiamare. “Se c’è mai stata un’argomentazione secondo cui abbiamo bisogno del signor Duffey di venire a testimoniare, questa è quella informazione”, ha detto Schumer.

Mentre Trump aveva indicato un interesse a chiamare testimoni separati in sua difesa, ha anche detto che avrebbe accettato qualsiasi decisione presa da McConnell e da altri leader repubblicani del Senato.

Nelle osservazioni, Marc Short capo dello staff del vicepresidente Mike Pence, ha indicato che la Casa Bianca era a pronta con l’obiettivo di McConnell di un rapido processo.

“Il popolo americano è stanco di questa finzione”, ha detto Short in “Meet the Press” della NBC. “Nella misura in cui c’è una prova prolungata, non siamo preoccupati per questo”, ha detto. “La nostra amministrazione è ansiosa di tornare a lavorare per il popolo americano. Abbiamo già avuto molti testimoni”. I legislatori hanno lasciato Washington per una vacanza.

Per aumentare le pressioni su McConnell per consentire nuove testimonianze, la presidente della Camera Nancy Pelosi, ha rinviato le accuse di impeachment al Senato.

I repubblicani hanno suggerito che i democratici vogliono testimoni perché il caso che hanno raccolto è molto debole, mentre i democratici descrivono i repubblicani come spaventati da ciò che le nuove testimonianze potrebbero rivelare. “Se il suo caso è così ermetico, perché ha bisogno di più testimoni?”, ha detto Short.

Moderati Repubblicani 

Trump è solo il terzo presidente degli Stati Uniti ad essere accusato. Gli altri erano Andrew Johnson nel 1868 e Bill Clinton nel 1998. Richard Nixon si dimise nel 1974 mentre si trovava di fronte alla minaccia d’impeachment.

L’Assemblea ha accusato Trump di aver abusato del suo potere trattenendo 391 milioni di dollari in aiuti alla sicurezza in Ucraina, nel tentativo di convincere Kiev ad annunciare un’indagine sulla corruzione dell’ex vicepresidente Joe Biden, uno dei principali candidati alla nomina democratica per affrontare Trump alle elezioni 2020.

Trump è stato anche accusato di ostacolare il Congresso ordinando ai funzionari amministrativi e alle agenzie di non collaborare all’inchiesta sull’impeachment. Dice che non ha fatto nulla di male e ha respinto la sua impeachment come un’offerta partigiana per annullare la sua vittoria elettorale del 2016.

“Il popolo americano e il Senato degli Stati Uniti meritano di avere un processo completo, giusto e completo e questo significa testimoni, significa documenti”, ha detto il senatore democratico Doug Jones.

I repubblicani detengono una maggioranza del 53-47 al Senato, e i democratici sperano che alcuni repubblicani moderati sosterranno la loro offerta per ulteriori testimonianze e forzeranno la mano di McConnell.

“La leva è la nostra speranza che quattro senatori repubblicani si alzino in piedi e affermino che questo è molto più grande dei nostri attuali litigi politici”, ha dichiarato Dick Durbin, il n.2 democratico al Senato. “Se i quattro senatori repubblicani aumentassero, possono fare una grande differenza”, ha concluso.

TAG: Casa Bianca, democratici, Donald Trump, impeachment, repubblicani
adv-167
Articoli Correlati