La Corea del Nord non intende denuclearizzare fuori dal tavolo dei negoziati

158

L’ambasciatore della Corea del Nord presso le Nazioni Unite ha dichiarato sabato che la denuclearizzazione è fuori dal tavolo dei negoziati con gli Stati Uniti e non sono necessari lunghi colloqui con Washington, la dichiarazione più severa che sottolinea ancora il divario tra le due parti a venire di una scadenza di fine anno fissata da Pyongyang.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha cercato di attenuare una recente ondata di tensioni con la Corea del Nord, sottolineando ciò che ha detto fosse il suo buon rapporto con il suo leader Kim Jong Un pensando che Kim volesse un accordo, non interferire nelle elezioni presidenziali statunitensi del prossimo anno.

“Vedremo la Corea del Nord. Sarei sorpreso se la Corea del Nord agisse in modo ostile “, ha detto Trump ai giornalisti alla Casa Bianca prima di partire per la Florida. “Sa che ho le elezioni in arrivo. Non penso che voglia interferire, ma dovremo verificarlo. Penso che gli piacerebbe vedere quello che accadrà. La relazione è molto buona, ma c’è una certa ostilità, non c’è dubbio.”

Trump ha investito molto tempo nel tentativo di convincere la Corea del Nord a rinunciare a un programma di armi nucleari che è cresciuto per minacciare gli Stati Uniti, ma i progressi sono stati scarsi nonostante i suoi tre incontri con Kim Jong Un.

Le tensioni sono aumentate in vista della scadenza di fine anno fissata dalla Corea del Nord, che ha invitato gli Stati Uniti a cambiare la sua politica di insistere sulla denuclearizzazione unilaterale di Pyongyang e ha chiesto sollevare un sollievo le sanzioni.

Kim Jong Un ha avvertito di un “nuovo percorso” non specificato il prossimo anno, sollevando timori che questo potrebbe significare la fine di una sospensione della bomba nucleare e dei test missilistici a lungo raggio in atto dal 2017 ai quali Trump ha resistito come una vittoria chiave del suo impegno.

L’ambasciatore delle Nazioni Unite Kim Song ha affermato in una nota che il “dialogo sostenuto e sostanziale” ricercato dagli Stati Uniti è stato un “trucco per risparmiare tempo” per soddisfare la sua agenda politica interna, un riferimento all’offerta di rielezione di Trump per il 2020. “Non abbiamo bisogno di lunghi colloqui con gli Stati Uniti adesso, e la denuclearizzazione è già uscita dal tavolo dei negoziati”, ha affermato.

I commenti di Kim Song sembrano andare oltre il precedente avvertimento della Corea del Nord secondo cui le discussioni relative al suo programma di armi nucleari potrebbero essere tolte dal tavolo dato il rifiuto di Washington di offrire concessioni.

Martedì, il ministero degli Esteri della Corea del Nord ha ripetuto la richiesta a Washington di cambiare le sue “politiche ostili” e ha dichiarato che spetterà a Washington decidere quale “regalo di Natale” arriverà alla fine dell’anno.

Kim Song ha anche criticato una dichiarazione di questa settimana dai membri dell’UE, del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che criticava i recenti lanci a corto raggio da parte della Corea del Nord, definendola una “grave provocazione” e dicendo che stavano recitando il ruolo di “cane da compagnia” degli Stati Uniti.

Sintesi e piccoli progressi

Gli ultimi giorni hanno visto un ritorno alla retorica molto carica che ha sollevato i timori della guerra due anni fa. Nel 2017, Trump e Kim Jung Un si sono resi protagonisti in una guerra di parole, con Trump che chiama Kim Jong Un “Rocket Man” e la Corea del Nord che chiamava Trump, “dotard”.

Martedì Trump ha chiamato ancora una volta Kim “Rocket Man” e ha detto che gli Stati Uniti si sono riservati il ​​diritto di usare la forza militare contro la Corea del Nord. Pyongyang ha affermato che qualsiasi ripetizione di tale linguaggio rappresenterebbe “la ricaduta del dotage di un dotard”.

Venerdì l’ambasciatore americano presso le Nazioni Unite ha dichiarato che gli Stati Uniti non hanno ancora deciso se tenere un Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere delle violazioni dei diritti umani in Corea del Nord che hanno fatto arrabbiare Pyongyang. Sempre venerdì, la Corea del Sud ha dichiarato che Trump e il presidente sudcoreano Moon Jae-in hanno tenuto una discussione telefonica di mezz’ora su come mantenere la diplomazia con la Corea del Nord.

Ha affermato che i due leader concordano sul fatto che la situazione è diventata “grave” e che “si dovrebbe mantenere lo slancio del dialogo per ottenere risultati immediati dai negoziati sulla denuclearizzazione”.

Molti diplomatici, analisti e funzionari statunitensi hanno a lungo dubitato della volontà della Corea del Nord di negoziare un programma nucleare che ha investito decenni e una grande percentuale di risorse nazionali spese nella creazione.

Anche così, Jenny Town di 38 North, un progetto con sede a Washington nella Corea del Nord, ha affermato che non è chiaro come debbano essere prese letteralmente le parole di Kim Song. “È una scelta interessante di portavoce. Kim Song non è direttamente coinvolto nel processo di negoziazione”, ha affermato.

“Questo tipo di messaggi stanno aumentando la frequenza con l’avvicinarsi della scadenza, forse per cercare di forzare un’offerta dell’ultimo minuto. Sebbene più spingano in questo modo, meno è probabile che ottengano quello che vogliono. “

Town ha affermato che la Corea del Nord ha precedentemente indicato la volontà di rinunciare a parti del suo programma nucleare come un accordo della prima fase, ma di non discutere in anticipo della denuclearizzazione completa.

“I nordcoreani hanno sempre preferito un approccio graduale piuttosto che negoziare tutto in una volta”, ha detto Town. “È possibile che questo si auspica Kim Song, dal momento che non abbiamo sentito nulla di così netto da coloro che sono coinvolti nei negoziati.”