adv-570
<< CULTURA

Un raro Gauguin del periodo tahitiano venduto a 9,5 milioni di euro a Parigi

| 5 Dicembre 2019 | CULTURA

Un raro dipinto del periodo tahitiano di Paul Gauguin, “Te Bourao II”, è stato messo all’asta martedì 9,5 milioni di euro all’Artcurial di Parigi, quasi il doppio della sua stima, mentre il pittore è ancora oggi sotto il fuoco della critica per le presunte relazioni che avrebbe avuto con i minori di Tahiti.

Questo olio su tela del 1897 fa parte di un ciclo di nove dipinti realizzati a Tahiti. Il pittore francese (1848-1903) li aveva inviati a Parigi per una mostra alla Galleria Ambroise Vollard, con scarso successo. Il periodo tahitiano di Gauguin, da cui derivano molti dei suoi dipinti più belli esposti nei più grandi musei, è il collezionista più popolare e il più noto al grande pubblico.

Ma è sempre più controverso. La vendita è avvenuta nel contesto di un ampio movimento di opinione per la denuncia di abusi sessuali da parte di artisti contro le donne, al tempo di MeToo e le critiche contro il regista Roman Polanski.

adv-225

La tabella che ha raggiunto i 9,5 milioni di euro (compresi i costi) ha avuto una storia abbastanza lineare: Ambroise Vollard l’aveva preservata e, alla sua morte, “Te Bourao II” era tornato ai suoi eredi che era stato rivenduto nel 1995 all’acquirente che l’ha venduto oggi.

Probabilmente evocazione di “un paradiso perduto con una natura vergine e una presenza molto limitata dell’Uomo” (un cavaliere che se ne va), “Te Bourao II” è l’ultimo quadro di questo ciclo ad essere ancora nelle mani di un privato. Esposto al MET di New York dal 2007 al 2017.

Per Bruno Jaubert, direttore associato responsabile del dipartimento di arte moderna di Artcurial, “il fugace soggiorno terrestre dell’uomo si rivela sotto il pennello del creatore: dal paradiso perduto dell’infanzia al misterioso mistero dell’aldilà”. L’asta, secondo Artcurial, è stata vinta da un “collezionista internazionale” che ha affermato che il dipinto rimarrà in Francia.

Nessuna opera del periodo tahitiano dell’artista era stata presentata sul mercato francese per più di venti anni. L’ultimo dipinto di questo periodo venduto all’asta, “Cavalier in the box”, è stato nel 2017 da Sotheby’s a New York per $ 7,5 milioni. Il record assoluto per un dipinto di Gauguin risale al 2006: “The Axe Man” è stato poi premiato con 40,3 milioni di dollari da Christie’s a New York.

Questa vendita ad Artcurial è stata un evento in quanto raramente si può trovare un Gauguin di questo periodo in ottime condizioni. Gli altri dipinti di questo ciclo sono esposti in musei di tutto il mondo: l’Ermitage di San Pietroburgo, il Barber Institute di Birmingham e il Musée d’Orsay di Parigi.

L’opera testamentaria più conosciuta e vera intitolata: “Da dove veniamo, cosa siamo, dove andiamo?”, è esposta al Boston Museum of Fine Arts.

Nel 1891, il pittore si stabilì a Tahiti, sperando di sfuggire a una civiltà occidentale troppo artificiale per i suoi gusti. Dipingerà molte opere, cadendo nella depressione, nella solitudine e nel disagio materiale. Ma nonostante tutto non gli impedirà di dipingere nel 1897 “Da dove veniamo?” e, tra l’altro meno famoso, “Te Bourao II”.

TAG: Artcurial, Arte, Francia, Musei, Parigi, Paul Gauguin, pittore, Te Bourao II
adv-801
Articoli Correlati