fbpx
adv-433
<< CRONACA

La scorta di Giorgio Napolitano in vacanza equivale a 2 volanti in meno sul territorio

| 24 Luglio 2019 | CRONACA, IL FORMAT

Il presidente emerito Giorgio Napolitano è in vacanza con la consorte a Marina di Cecina, Livorno, presso una struttura militare. Oltre al suo personale di vigilanza, avrebbe fatto richiesta alla Questura di Livorno, per l’assegnazione di quattro agenti: due per lui e due per sua moglie, considerato che i coniugi hanno esigenze di spostamenti diverse tra loro. La questione, sollevata da IlGiornale, con un articolo a firma di Chiara Giannini, ha scatenato l’ira del Sindacato Autonomo di Polizia che, attraverso un comunicato stampa ufficiale, ha contestato l’assegnazione di ben quattro uomini, a fronte delle difficoltà con le quali lavora il personale della Questura di Livorno, sempre in sottorganico.

«L’apparato della sicurezza è al collasso per i tagli dissennati applicati dai precedenti esecutivi, e spacciati per “razionalizzazione”. Non abbiamo vestiario, non abbiamo uomini e non abbiamo mezzi – dice il Segretario del Sap Stefano Paoloni -. Livorno risente poi particolarmente di queste difficoltà. Sono pochi gli uomini addetti al controllo del territorio per la repressione dei reati. E’ inammissibile assegnarne ben quattro per le vacanze di Napolitano e consorte. Andrebbero riviste le scorte, razionalizzare in tal senso. E nel frattempo – conclude – Napolitano potrebbe scegliere di fare vacanze meno impegnative».

TAG: Giorgio Napolitano, Livorno, Scorta, Sindacato autonomo di polizia, Stefano Paoloni
adv-455
Articoli Correlati