fbpx
adv-990
<< CULTURA

Doppio Amore – non esistono mostri, ma solo esseri umani

| 21 Aprile 2018 | CULTURA

Un Thriller molto soft quello diretto dal regista Francois Ozon, un film tutto francese, ma con qualcosa  che potrebbe ricordare anche qualche buon lavoro cinematografico italiano. Una bella e giovane donna è la paziente di uno psichiatra il quale, come spesso accade, viene rapito dal suo fascino e così, in breve tempo, tra i due inizia una relazione. Tutto va nel migliore dei modi, fino a quando la donna scopre che nella stessa città c’è un uomo identico al suo compagno e che questo, svolge anche la sua stessa professione.

Questo semplice quanto geniale film ha incassato nelle prime 3 settimane qualcosa come 130 mila dollari al box office Usa, perché in questo lavoro cinematografico c’è un po’ di tutto e ben disposto, più che un thriller è un film drammatico con un suo lato “dark“; questa figura femminile che si “spoglia” lentamente, prestandosi all’occhio della telecamera che, sapientemente, coglie i lati migliori dei tre personaggi proponendo così, un genere di film in parte nuovo.

Buona la prova dell’attrice e modella francese Marine Vacth, classe ’91, attrice che ha già lavorato con il regista Ozon, con il film “Giovane e Bella” nel 2013, molto interessante è stata anche la prova dell’attore belga Jeremie Renier, classe ’81, anche lui attore già noto al regista per aver preso parte al film “Amanti Criminali” nel ’99, i due attori sono perfettamente in sintonia con i loro personaggi fin dai primi minuti, un film che non si risparmia nemmeno nel suo lato erotico. Il regista e sceneggiatore francese Francois Ozon esordisce nel lontano ’98 con il film “Sitcom“, Ozon ha al suo attivo ben 32 film e diversi riconoscimenti, con questo film si è candidato alla Palma d’Oro.

adv-468

TAG: Al cinema, Doppio amore, film, Francia, thriller
adv-470
Articoli Correlati