fbpx
adv-966
<< EUROPA

Gas, la Germania prevede di importare 25mld m/c entro il 2023

| 3 Ottobre 2022 | EUROPA

Nel 2023, la Germania prevede che un nuovo terminale di gas naturale liquefatto (GNL) fornirà al Paese 25 miliardi di metri cubi di gas entro la fine dell’anno. Sebbene questo sia un passo significativo verso la riduzione della dipendenza dalla Russia, il GNL è costoso e questa quantità rappresenta solo il 20% di ciò che una volta importava dalla Russia, ovvero la metà della capacità annuale del gasdotto Nord Stream.

In costruzione vicino al porto di Wilhelmshaven, sulla costa del Mare del Nord, il terminal del gas sarà in grado di ricevere spedizioni di gas da tutto il mondo, in particolare stati come USA, Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

Un totale di cinque progetti di GNL sono stati lanciati quest’anno dal governo, con grandi spese, per compensare il forte calo delle consegne da parte del monopolio statale russo del gas Gazprom.

adv-724

Nel cantiere di Wilhelmshaven, la costruzione è già in corso, con circa 28 chilometri di gasdotti in costruzione per collegare il terminal all’infrastruttura del gas esistente in Germania. I terminali GNL rigassificano il gas naturale importato dalle navi via mare. Le piattaforme offshore raccolgono il gas liquido e lo convogliano verso altre navi dove viene rigassificato e ripompato a terra.

A differenza di altri paesi, tra cui Belgio e Paesi Bassi, la Germania non disponeva in precedenza di un terminal praticabile, beneficiando di amichevoli relazioni economiche ed energetiche con la Russia. Prima della guerra, il gas russo rappresentava il 55% delle importazioni tedesche. Queste consegne ora sono quasi completamente interrotte.

Il governo tedesco ha lavorato duramente per concludere accordi sulla fornitura di gas liquefatto all’estero, in particolare con i paesi del Golfo. Berlino ha anche investito 3 miliardi per nuove navi utilizzate per rigassificare il GNL. Il Bundestag tedesco ha approvato in primavera nuove leggi per consentire procedure semplificate per la costruzione dei nuovi terminal, a causa dell’emergenza energetica in atto in Europa.Il nuovo terminal dovrebbe essere completato entro l’inverno, secondo il gruppo energetico tedesco Uniper, che guida il progetto. Normalmente, un progetto del genere richiederebbe 5-6 anni, notano.

I manifestanti ambientali si sono lamentati del fatto che parte del gas proverrebbe da siti di fracking negli Stati Uniti, che hanno sollevato numerose preoccupazioni sulla sicurezza e la sostenibilità. Ad agosto, attivisti della tedesca Ende Gelände hanno bloccato il cantiere di Wilhelmshaven, accusando il progetto di distruggere ecosistemi e spazi abitativi per le focene.

In base agli accordi con il governo, il terminale GNL deve trasformarsi in un hub per l’idrogeno verde entro il 2030, una tecnologia più pulita che Berlino vuole promuovere nei prossimi decenni.

TAG: Gas, Germania, Nord Stream, UE
adv-288
Articoli Correlati