fbpx
adv-693
<< CRONACA

Grave incendio alla Nitrolchimica a San Giuliano Milanese

| 8 Settembre 2022 | CRONACA

Un incendio è divampato oggi in una azienda petrolchimica a San Giuliano Milanese, in via Monferrato, nell’hinterland del capoluogo. Sul posto si sono precipitati molti mezzi dei vigili del fuoco. Un’alta colonna di fumo si è alzata dal fabbricato delle Nitrolchimica nell’hinterland di Milano.

Sul posto sono intervenute 14 squadre dei vigili del fuoco. Secondo la ricostruzione della polizia locale, c’è stata una esplosione, per cause ancora da accertare, seguita da un vuoto d’aria e dalle fiamme, che hanno sprigionato la colonna di fumo ancora visibile.  L’esplosione è stata registrata poco dopo le 10, per la precisione alle 10.05.

Il rogo ha devastato l’impianto della Nitrolchimica, azienda che si occupa del recupero di solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi. Attiva dal 1975, l’azienda si occupa del recupero solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi ed è leader nel suo settore.

adv-334

Secondo le prime informazioni sei persone sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave. Si tratta di dipendenti dell’azienda. Quattro hanno riportato intossicazioni di lieve entità, due sono le persone ustionate, delle quali una in modo grave. Un operaio, che si credeva disperso, è stato ritrovato illeso: si trovava al sicuro, in un’altra zona della Nitrolchimica. “Qui problemi di sicurezza non ce ne sono mai stati” – dice un operaio, che chiede di restare anonimo – “pericoli non ce ne sono mai stati”.

Il ferito rimasto ustionato in modo grave è stato trasportato in elicottero all’ospedale San Gerardo di Monza  si trova in rianimazione. A quanto emerso ha riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto, al torace e agli arti. L’altro ferito grave è stato invece ricoverato in codice giallo all’ospedale San Paolo di Milano. Al momento dello scoppio dell’incendio, che avrebbe provocato anche una esplosione, erano presenti in tutto 17 dipendenti dell’azienda.

La colonna di fumo è stata visibile a decine di chilometri di distanza. Arpa Lombardia, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, ha attivato il gruppo specialistico contaminazione atmosferica, quello del rischio chimico e il servizio previsioni meteo. I tecnici stanno effettuando misurazioni speditive dell’aria con strumentazione da campo “senza rilevare al momento criticità significative sotto l’aspetto ambientale”. Il campionamento dell’aria viene effettuato anche con un elicottero, per valutare dove il vento stia trasportando il fumo.

Il sindaco di San Giuliano Milanese, Marco Segala, ha invitato via Facebook i cittadini “a chiudere le finestre per evitare possibili esalazioni e a non avvicinarsi alla zona interessata” dall’incendio divampato questa mattina nella zona industriale. Poche ore più tardi ha spiegato che il rogo è stato domato, ma non ancora spento.

“Le autorità preposte e le Forze dell’Ordine sono già sul posto per coordinare le operazioni necessarie al suo spegnimento e per la messa in sicurezza della zona”, ha aggiunto il primo cittadino.

Sul posto è presente anche la polizia stradale, per garantire la viabilità ai mezzi di soccorso, la polizia locale e, grazie anche alla collaborazione del Comune di Milano, la protezione civile. La Procura di Lodi ha aperto un’inchiesta.

Le forze dell’ordine hanno isolato la zona interessata dal vasto incendio divampato questa mattina a San Giuliano Milanese. Anche le aziende non interessate dalle fiamme sono state evacuate a scopo precauzionale. Un centinaio i vigili del fuoco al lavoro. La Croce Rossa ha allestito un punto di prima assistenza.

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha detto che per contenere il maxi incendio “stanno lavorando anche la nostra protezione civile e l’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli. La nostra protezione civile è già sul posto e io ho il telefono acceso in attesa di notizie”.

TAG: incendio, Milano, ROGO
adv-372
Articoli Correlati