fbpx
adv-823
<< L'OPINIONE

Ha ancora senso parlare di Ordine dei Giornalisti?

| 22 Gennaio 2022 | L'OPINIONE

Mi corre l’obbligo da giornalista ed editore di fare alcune considerazioni sulle nuove linee guida dettate dall’ordine dei giornalisti della regione in cui vivo e lavoro.

Ma prima occorre fare qualche passo indietro per poter rispondere adeguatamente al quesito che pongo come titolo di questo mio scritto.

È bene sottolineare che l’Ordine dei giornalisti, nacque formalmente con una legge del 1963e all’epoca doveva servire soprattutto come organo a difesa dell’autonomia della categoria, in un periodo in cui il pericolo delle ingerenze del potere e del governo nell’informazione era più percepito come tale. Per garantire la libertà dei giornalisti, era insomma necessario che l’Ordine fosse autonomo e formato da soli giornalisti. In un tempo diverso e di maggiore complessità e libertà come quello attuale, molti si chiedono da tempo se il ruolo dell’Ordine sia ancora fondamentale, se sia da riformare o se sia invece inutile e da abolire del tutto.

adv-757

È inutile sottolineare che mi schierò fortemente per l’abolizione di una ‘istituzione’ che ha perso già da tempo la sua ragion d’essere.

Ora ,anche se effettivamente una delle sue mansioni è di vigilare sull’operato degli iscritti, per il bene della categoria, non è semplice che un organo formato da giornalisti giudichi altri giornalisti sul loro lavoro. Una delle critiche più frequenti che vengono mosse all’Ordine è, infatti, proprio quella di essere troppo dentro i meccanismi e i problemi del giornalismo per poterli giudicare, che finisca per far prevalere considerazioni corporative e che in generale preferisca difendere i giornalisti piuttosto che mettere in discussione i loro comportamenti eventualmente discutibili.

Inoltre non vi è dubbio che l’Ordine rappresenti le istanze solo di una ristretta cerchia di giornalisti, generalmente più esperti e anziani (una percentuale significativa dei suoi iscritti è composta addirittura da giornalisti in pensione) e protetti da privilegi economici e contrattuali che risalgono a tempi più fortunati per le aziende giornalistiche, e che per la maggior parte lavorano nei giornali di carta.

E i giovani?

Ma prima di tutto questo c’è un problema insuperabile di giudizio sulla libertà d’espressione, sul diritto di cronaca e sulla libertà di stampa. Stabilire cosa sia “vero” apre discussioni persino filosofiche, e immaginare un organo che lo definisca universalmente per tutti è nei fatti impensabile.

Veniamo al caso che più mi interessa da vicino: cambiano le regole per l’iscrizione nell’elenco dei pubblicisti all’Ordine dei giornalisti della Puglia.

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Puglia ha approvato all’unanimità una delibera che impone all’aspirante pubblicista, in un biennio, di pubblicare almeno 40 articoli se collabora con un mensile, almeno 100 se collabora con un settimanale, e almeno 150 se si tratta di quotidiani, tv, radio e web.

Per quanto riguarda il compenso da certificare, se si tratta di un mensile deve essere di almeno 800 euro, necessari almeno 2000 euro per i settimanali e almeno 3000 euro per quotidiani, tv e radio. Il compenso sale ad almeno 4000 euro se si tratta di una testata web. La soglia di 4000 euro è necessaria se la testata giornalistica periodica, quotidiana, settimanale, mensile, radio o tv, edita anche un sito web.

Le retribuzioni dovranno essere dimostrate attraverso la presentazione della Certificazione Unica, corredata della Comunicazione di avvenuto ricevimento dell’Agenzia delle Entrate per ogni anno fiscale concluso e copia dei pagamenti tracciati andati a buon fine. Non sono ammesse altre forme di pagamento come forme di compenso cumulative a fine biennio o contributi in contanti.

Che cosa significa tutto questo?

Semplice: affossare il tirocinio giovanile!

E per questo motivo è urgente intervenire, per evitare abusi e rendere il tirocinio una delle occasioni di formazione e avvicinamento al mondo del lavoro.

Invero con le nuove direttive che si concretano sostanzialmente in esborsi danarosi consistenti per chi assume tirocinanti, vi sarà poco interesse alla formazione professionale giovanile e brulicheranno collaborazione non retribuite!

In sintesi norme, a mio avviso, che anziché contrastare i tesserini facili aumentano il rischio di sfruttamento per tutti i giovani che vogliono avvicinarsi alla professione di informare.

Sarebbe stato più utile prevedere l’erogazione di una indennità minima, stabilire una durata massima, limiti sul numero massimo di stagisti e tirocinanti per ogni tipologia di giornale, oltre a stabilire sanzioni e controlli.

Sarebbe davvero sbagliato precludere questo strumento ai tanti giovani che desiderano fare esperienza nei vari settori lavorativi dell’editoria per poi orientare con cognizione di causa il proprio percorso professionale.

Senza tirocini o stage sarà ancora più complesso per i giovani italiani orientarsi tra i vari settori professionali, con il rischio di acuire ancora di più l’esistente ‘skill mismatch’ del nostro mercato del lavoro, dove da una parte ci sono oltre 2 milioni di giovani inattivi, i famosi NEET, ragazzi tra i 20 e i 34 anni che non studiano e non lavorano, e dall’altra tante aziende che non trovano i lavoratori con le competenze richieste.

Chiedo quindi all’ordine di riflettere bene su come dare seguito a queste linee guida sulla disciplina dei tirocini extracurriculari.

Personalmente non condivido queste nuove direttive dell’Ordine dei Giornalisti della Puglia.

Significa non fare crescere la piccola editoria e non far crescere i futuri giornalisti, nessun editore assumerà i giovani con un tale esborso. Siamo alla classica ‘casta’ che vuole proteggere il proprio orticello e non aprirsi al futuro.

Proteggere se stessi senza nessuna ingerenza esterna.

Il Consiglio eletto lo scorso anno si è dato nelle priorità: chiedere le porte in faccia ai nuovi giornalisti.

Nessun confronto con gli iscritti, nessun richiesta di parere agli editori. Su questo il Corriere di Puglia e Lucania darà ampio spazio regionale e nazionale con le video interviste e non solo.

Infine ciò che ho sostenuto in questo breve scritto ossia che l’ Ordine dei giornalisti sia un ostacolo alla professione, lo sostiene già da tempo anche la comunità europea

E’ quanto emerge da un rapporto pubblicato dalla Commissione Ue e redatto dal Centro europeo per la libertà e il pluralismo dei media nel 2020.

Riporto qualche dato: per quanto riguarda l’indice della protezione della libertà di espressione, 17 Paesi sono a rischio basso, 12 a rischio medio (tra questi c’è l’Italia) e uno, la Turchia, a rischio “alto”.

Per quanto riguarda l’indicatore dell’accesso alla professione giornalistica, 28 Paesi europei hanno rischio “basso”, mentre l’Italia è l’unico ad avere un rischio “medio”, dato che “il sistema dell’iscrizione all’Albo dei Giornalisti può essere interpretato, sulla base degli standard internazionali, come un ostacolo ingiustificato da superare per accedere alla professione”. Nella maggior parte degli altri Paesi europei, l’accesso alla professione è libero, con un sistema di registrazione o autorizzazione, sulla base di criteri “oggettivi, proporzionati e non discriminatori”. La Turchia ha un rischio “alto”.

Aprirò un ampio dibatto sulla opportunità o meno che in Italia ci sia ancora un Ordine dei giornalisti!

TAG: Ordine dei Giornalisti, Puglia
adv-353
Articoli Correlati