fbpx
adv-577
<< AMBIENTE

Rara barriera corallina scoperta al largo di Tahiti

| 21 Gennaio 2022 | AMBIENTE

Nel profondo del Pacifico meridionale, gli scienziati hanno esplorato un raro tratto di coralli incontaminati a forma di rose al largo della costa di Tahiti. Si pensa che la barriera corallina sia una delle più grandi trovate a tali profondità e sembra non essere stata toccata dai cambiamenti climatici o dalle attività umane.

Laetitia Hédouin ha detto di aver visto per la prima volta i coralli durante un’immersione ricreativa con un club subacqueo locale mesi prima.

“Quando ci sono andato per la prima volta, ho pensato: ‘Wow, dobbiamo studiare quella barriera corallina. C’è qualcosa di speciale in quella barriera corallina”, ha affermato Hédouin, ricercatore presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica a Moorea, nella Polinesia francese.

Ciò che ha colpito Hédouin è che i coralli sembravano sani e non sono stati colpiti da un evento di sbiancamento nel 2019. I coralli sono piccoli animali che crescono e formano barriere coralline negli oceani di tutto il mondo.

A livello globale, le barriere coralline sono state impoverite dalla pesca eccessiva e dall’inquinamento. Il cambiamento climatico sta danneggiando anche i coralli delicati, compresi quelli nelle aree vicine alla barriera corallina appena scoperta, con un grave sbiancamento causato dalle acque più calde. Tra il 2009 e il 2018, il 14% dei coralli del mondo è stato ucciso, secondo un rapporto del 2020 del Global Coral Reef Monitoring Project.

La nuova barriera corallina, che si estende per 2 miglia (3 chilometri), è stata studiata alla fine dell’anno scorso durante una spedizione di immersioni supportata dall’UNESCO. A differenza della maggior parte dei coralli mappati del mondo, che si trovano in acque relativamente poco profonde, questo era più profondo, tra 115 piedi (35 metri) e 230 piedi (70 metri).

L’esplorazione di tali profondità ha rappresentato una sfida: più in profondità un subacqueo va sott’acqua, meno tempo può essere trascorso in sicurezza a ciascuna profondità. Il team è stato dotato di serbatoi speciali e ha fatto 200 ore di immersioni per studiare la barriera corallina, tra cui scattare fotografie, misurazioni e campioni del corallo.

La barriera corallina si trova in un punto in cui molti ricercatori non hanno trascorso molto tempo, ha affermato l’ex oceanografo della National Oceanic and Atmospheric Administration Mark Eakin.

“Vedremo più di queste scoperte man mano che la tecnologia verrà applicata a questi luoghi”, ha affermato Eakin. “Potremmo trovarne di più grandi da qualche parte, ma penso che questa sarà sempre una barriera corallina insolita.”

La recente eruzione vulcanica a Tonga che ha innescato le onde dello tsunami attraverso il Pacifico non ha colpito la barriera corallina al largo di Tahiti, ha detto Hédouin.

Hédouin spera che la ricerca possa aiutare gli esperti a capire come la barriera corallina sia stata resiliente ai cambiamenti climatici e alle pressioni umane e quale ruolo potrebbero svolgere questi coralli più profondi nell’ecosistema oceanico. Altre immersioni sono previste nei prossimi mesi.

“Sappiamo molto poco dell’oceano e c’è ancora così tanto che deve essere registrato, deve essere misurato”, ha affermato Julian Barbière, capo della politica marittima e del coordinamento regionale dell’UNESCO.

TAG: Barriera corallina, Tahiti
adv-102
Articoli Correlati