fbpx
adv-781
<< EUROPA

Proposta Commissione UE: imposta societaria minima e fine ai paradisi fiscali

| 28 Dicembre 2021 | EUROPA

Presentando la prima direttiva in una conferenza stampa mercoledì scorso, il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, ha fatto riferimento all’accordo multilaterale Ocse sulla tassazione minima effettiva raggiunto in ottobre da 137 Paesi.

La proposta stabilisce come i principi dell’aliquota fiscale effettiva del 15% saranno applicati nella pratica all’interno dell’UE. Comprende una serie di regole comuni su come calcolare questa aliquota fiscale effettiva, in modo che sia applicata in modo corretto e coerente in tutta l’UE. Le nuove regole si applicheranno a qualsiasi grande gruppo, sia nazionale che internazionale, con una società madre o una controllata situata in uno Stato membro dell’UE.

Se l’aliquota minima effettiva non è imposta dal paese in cui ha sede una società a bassa tassazione, è previsto che lo Stato membro della società madre applichi un’imposta “integrativa”. La proposta garantisce inoltre un’imposizione effettiva nelle situazioni in cui la società madre è situata al di fuori dell’UE in un paese a bassa imposizione che non applica norme equivalenti.

adv-507

Non ci sono cifre su quanto le nuove regole aumenteranno le entrate fiscali nell’UE, ha spiegato il commissario. Ha fatto riferimento alla valutazione dell’OCSE secondo la quale si stima che la nuova aliquota minima d’imposta genererà circa 150 miliardi di dollari di entrate fiscali globali aggiuntive all’anno.

Gli Stati membri dovranno concordare all’unanimità in seno al Consiglio la direttiva. L’unico Stato membro dell’UE che non si è formalmente impegnato nell’accordo è Cipro. Tuttavia, la Commissione si aspetta che Cipro appoggi la direttiva.

L’altra direttiva mira a correggere una lacuna o una scappatoia nell’UE per garantire che le entità nell’UE che hanno un’attività economica nulla o minima non possano beneficiare di alcun vantaggio fiscale e non pongano alcun onere finanziario sui contribuenti.

Sebbene le entità shell, o cassetta delle lettere, possano svolgere utili funzioni commerciali e aziendali, alcuni gruppi internazionali e persino individui ne abusano per pianificazione fiscale aggressiva o scopi di evasione fiscale, secondo la Commissione.

Alcune aziende dirigono i flussi finanziari verso entità di copertura in giurisdizioni che non hanno o hanno tasse molto basse, o dove le tasse possono essere facilmente eluse. Allo stesso modo, alcuni individui possono utilizzare le conchiglie per proteggere beni e immobili dalle tasse, nel loro paese di residenza o nel paese in cui si trova la proprietà.

L’UE ha adottato un elenco sulle “giurisdizioni non cooperative” o paradisi fiscali dal 2017. Lo scopo dell’elenco è aiutare gli Stati membri dell’UE a trattare con paesi che incoraggiano pratiche fiscali abusive.

Sebbene alcuni Stati membri possano anche essere considerati paradisi fiscali, non sono stati inclusi nell’elenco. Fino a poco tempo fa, l’UE era riluttante ad agire contro i paradisi fiscali negli Stati membri dell’UE.

Paolo Gentiloni

Quando ad esempio il Consiglio ha aggiornato l’elenco lo scorso ottobre, non ha tenuto conto delle rivelazioni nei Pandora Papers dell’evasione fiscale in altri paradisi fiscali. Un portavoce della Commissione, tuttavia, ha affermato che la Commissione sta preparando nuove proposte legislative entro la fine dell’anno per contrastare l’uso improprio delle società fittizie a fini fiscali.

“Questa proposta stringerà le viti alle società fittizie, stabilendo standard di trasparenza in modo che l’uso improprio di tali enti a fini fiscali possa essere individuato più facilmente”, ha commentato il commissario Gentiloni.

“La nostra proposta stabilisce indicatori oggettivi per aiutare le autorità fiscali nazionali a individuare le imprese che esistono solo sulla carta: in tal caso, la società sarà soggetta a nuovi obblighi di dichiarazione dei redditi e perderà l’accesso ai benefici fiscali. Questo è un altro passo importante nella nostra lotta contro l’elusione e l’evasione fiscale nell’UE”.

Ci sono diversi esempi di uso improprio delle norme fiscali, ma la direttiva non è mirata contro uno specifico Stato membro, ha spiegato. La proposta dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2024 una volta adottata dagli Stati membri dell’UE.

TAG: commissione europea, Pandora Papers, Paolo Gentiloni, paradisi fiscali
adv-428
Articoli Correlati