fbpx
adv-81
<< EUROPA

In 8.000 a Bruxelles contro le misure covid

| 6 Dicembre 2021 | EUROPA

La polizia belga ha usato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni per disperdere alcuni manifestanti turbolenti a Bruxelles dopo che la maggior parte dei manifestanti ha marciato pacificamente per protestare contro le inasprite restrizioni COVID-19 che mirano a contrastare un’ondata di infezioni da coronavirus.

Migliaia di persone sono venute a respingere le nuove misure annunciate venerdì, la terza settimana consecutiva in cui il governo ha inasprito le sue regole mentre una valanga di nuovi casi mette a dura prova i servizi sanitari del paese, privando le persone con altre malattie potenzialmente letali del trattamento.

Gridando “Libertà! Libertà!” e portando striscioni che dicevano “Uniti per la nostra libertà, i diritti e i nostri figli”, i manifestanti hanno marciato verso la sede dell’Unione Europea. Alcuni portavano anche segnali critici nei confronti dei vaccini e contro l’obbligatorietà delle vaccinazioni.

La folla principale della marcia per lo più pacifica di domenica si era già dispersa quando circa 100 manifestanti si sono imbattuti in una barricata della polizia antisommossa che impediva l’accesso alla Commissione europea. Dopo un breve scontro con la polizia, i manifestanti hanno lanciato rifiuti e altri oggetti, tra cui una bicicletta, contro la polizia e hanno fatto esplodere petardi e razzi. La polizia ha usato cannoni ad acqua e ha sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla. Non ci sono state notizie immediate di feriti.

Venerdì, il primo ministro Alexander De Croo ha annunciato che gli asili nido e le scuole primarie chiuderanno per le vacanze con una settimana di anticipo e che i bambini dovranno indossare mascherine a partire dai 6 anni. Gli eventi al coperto saranno consentiti solo con un massimo di 200 persone.

In precedenza, il governo aveva chiuso i locali notturni e aveva ordinato a bar e ristoranti di chiudere alle 23:00 per tre settimane. Si era diffusa la speculazione che gli orari di chiusura sarebbero stati anticipati alle 20:00, ma il governo ha deciso di non farlo.

Secondo gli ultimi dati sul coronavirus, la nazione UE di 11 milioni sembra aver raggiunto un plateau.

In media settimanale, in Belgio sono stati segnalati 17.862 nuovi casi giornalieri, con un aumento del 6% rispetto alla settimana precedente. I ricoveri ospedalieri sono aumentati del 4%. Più di 3.700 persone sono ricoverate in ospedale con il virus, 821 delle quali in terapia intensiva. Più di 27.000 persone con il virus sono morte in Belgio dall’inizio dell’epidemia lo scorso anno.

TAG: Bruxelles, covid, manifestanti
adv-718
Articoli Correlati