fbpx
adv-460
<< EUROPA

I 400 migranti a bordo della nave Geo Barents sbarcano a Palermo

| 28 Ottobre 2021 | EUROPA

Tra le 367 persone ci sono 172 minori, di cui 134 non accompagnati. MSF (Medicines sans frontiers) ha invitato l’Italia a fornire un porto sicuro martedì prima delle previste condizioni meteorologiche pericolose e ha ricevuto l’autorizzazione mercoledì.

MSF ha salvato i migranti da barche di legno dopo aver ricevuto avvisi che, secondo loro, le autorità dei paesi europei hanno ignorato, anche se erano molto più vicini alle persone bisognose.

“Lasciare le persone alla deriva in mare per giorni è inaccettabile”, ha affermato l’organizzazione in un comunicato stampa.

adv-952

“Sebbene le autorità fossero a conoscenza della situazione, nessuno aveva risposto o intervenuto. La nostra squadra ha impiegato nove ore per raggiungere la barca, mentre né le autorità né altre navi vicine hanno fornito assistenza”.

Caroline Willemen, coordinatrice del progetto di MSF a bordo della Geo Barents, ha affermato che i soccorsi sono stati effettuati in condizioni meteorologiche molto rigide, che hanno reso il tutto difficile.

“Questo è un altro chiaro esempio di come gli stati costieri vicini si rifiutino di assumersi qualsiasi responsabilità per le persone in difficoltà in mare. La barca era in acque pericolose da tre giorni, con 100 persone a bordo, tra cui 42 bambini”, ha detto Willemen.

“Ancora una volta, stiamo assistendo a come le politiche europee di controllo della migrazione stanno mettendo in pericolo la vita di migliaia di persone, non avendo capacità proattive di ricerca e soccorso in mare e non riuscendo a fornire una risposta a tutte le richieste di soccorso. È inaccettabile che le ONG siano lasciate a colmare il vuoto mortale”.

Molti dei sopravvissuti a bordo soffrivano di ipotermia dopo un’esposizione prolungata agli elementi o dopo essere caduti in acqua, ha detto MSF. I sopravvissuti hanno anche sofferto di mal di mare, disidratazione, perdita di appetito e alcuni di loro hanno sofferto di inalazione di carburante.

MSF è fermamente convinto che i migranti provenienti dalla Libia non vengano restituiti in quel paese, affermando di aver visto la Guardia costiera libica avvicinarsi ad alta velocità a un gommone pieno di migranti, aggirandolo pericolosamente.

Il giorno prima, dicono di aver visto migranti e rifugiati a bordo di una nave della Guardia costiera libica accanto a una barca vuota che era stata data alle fiamme.

“Gli Stati e le istituzioni europee devono sospendere immediatamente il loro sostegno politico e materiale alla Guardia costiera libica e fermare il sistema dei rimpatri forzati in Libia. La Libia non è un posto sicuro”, ha detto Willemen.

“Gli ultimi due giorni hanno illustrato la catastrofe umanitaria in atto al confine meridionale dell’Europa. Con solo navi umanitarie che monitorano la rotta migratoria più mortale del mondo, c’è un disperato bisogno di una maggiore capacità di ricerca e soccorso”.

TAG: Geo Barents, migranti, palermo, UE
adv-130
Articoli Correlati