fbpx
adv-790
<< EUROPA

Arrestato Mikheil Saakashvili, ex presidente della Georgia

| 2 Ottobre 2021 | EUROPA

L’ex presidente Mikheil Saakashvili è stato arrestato dopo essere tornato in Georgia, una mossa che è arrivata mentre l’ex leader cercava di mobilitare i sostenitori in vista delle elezioni comunali nazionali considerate fondamentali per la composizione politica del paese.

L’annuncio del primo ministro Irakli Garibashvili è arrivato circa 18 ore dopo che Saakashvili, condannato in contumacia per abuso di potere e che ha vissuto in Ucraina negli ultimi anni, ha pubblicato su Facebook che era tornato nel paese.

I dettagli dell’arresto non sono stati immediatamente chiari, ma la TV georgiana venerdì sera ha trasmesso il video di Saakashvili in manette, con un ampio sorriso sul volto, preso in custodia dalla polizia.

In un precedente video su Facebook, Saakashvili ha affermato di essere a Batumi, il porto e resort del Mar Nero che è la seconda città più grande della Georgia. I funzionari georgiani all’inizio della giornata avevano negato che fosse nel paese.

Nei post, Saakashvili ha definito le elezioni di sabato “cruciali” per la Georgia e ha indetto una manifestazione a Tbilisi domenica, promettendo di parteciparvi.

I tentativi di Saakashvili di radunare i georgiani potrebbero capovolgere i piani del partito al governo per assicurarsi il dominio nel ballottaggio per i sindaci e le assemblee locali, che è ampiamente considerato come un voto di fiducia nel governo nazionale e potrebbe innescare elezioni anticipate il prossimo anno.

L’Unione europea ha negoziato un accordo ad aprile per alleviare una crisi politica tra il partito al governo Georgian Dream e i gruppi di opposizione, tra cui lo United National Movement di Saakashvili, la seconda forza politica del paese.

L’accordo prevedeva che le elezioni parlamentari anticipate dovrebbero essere indette nel 2022 se Georgian Dream riceve meno del 43% di tutti i voti proporzionali alle elezioni locali nei 64 comuni del paese.

Tuttavia, non è chiaro se l’accordo con l’UE verrà seguito. A luglio, Georgian Dream si è ritirata dall’accordo perché lo United National Movement non lo aveva ancora firmato. Il partito di opposizione ha finalmente firmato questo mese e Saakashvili ha esortato i sostenitori a presentarsi in forze alle urne.

Il sorriso intenso di Saakashvili durante la custodia della polizia ha sottolineato la sua propensione per il dramma pubblico, in particolare i suoi audaci ingressi in luoghi poco accoglienti.

Ha guadagnato l’attenzione internazionale per la prima volta nelle proteste della Rivoluzione delle rose del 2003 quando ha guidato una folla di manifestanti che hanno fatto irruzione in una sessione del parlamento, costringendo l’allora presidente Eduard Shevardnadze a fuggire; Shevardnadze, un ex ministro degli esteri sovietico, si è dimesso il giorno dopo.

Nel 2017, si è fatto strada con una folla di sostenitori in Ucraina dalla Polonia, dopo che la sua cittadinanza ucraina è stata revocata.

Tornando in Georgia anche se ha dovuto affrontare un certo arresto, Saakashvili ha anche fatto eco al leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, che è tornato a Mosca dalla Germania a gennaio, è stato arrestato all’arrivo e poi mandato in prigione.

Saakashvili è stato presidente nel 2004-13 ed era famoso per i suoi sforzi energici contro la corruzione endemica della Georgia, ma i georgiani sono diventati sempre più a disagio con quelle che consideravano le sue inclinazioni autoritarie e il suo comportamento a volte volubile.

Saakashvilii ha lasciato il Paese subito dopo che le elezioni del 2013, alle quali non ha potuto candidarsi, sono state vinte dal candidato del Georgian Dream.

Nel 2018, i tribunali georgiani lo hanno condannato e condannato fino a sei anni di carcere.

Saakashvili si trasferì in Ucraina, dove divenne governatore della regione di Odessa, colpita dalla corruzione, e ottenne la cittadinanza ucraina, che annullò la sua cittadinanza georgiana. Tuttavia, ha litigato con l’allora presidente Petro Poroshenko, ha rassegnato le dimissioni ed è stato privato della cittadinanza ucraina.

È tornato in Ucraina nel 2017, ma alla fine è stato deportato in Polonia. Dopo che il successore di Poroshenko, Volodymyr Zelenskyy, è salito al potere, Saakashvili è tornato in Ucraina ed è stato nominato a una posizione di primo piano nella lotta alla corruzione.

“Zelenskyy è preoccupato per questa notizia”, ​​ha detto il suo portavoce Serhiy Nikiforov. “L’Ucraina fa appello alla Georgia per avere spiegazioni su tutte le circostanze e le ragioni di questa mossa riguardo a questo cittadino ucraino”.

L’ufficio del procuratore georgiano ha affermato che è stato aperto un caso contro Saakashvili per aver attraversato illegalmente il confine, anche se la base di tale accusa non è chiara perché i cittadini ucraini non hanno bisogno di visti per entrare in Georgia.

TAG: arresto, elezioni, Georgia, Mikheil Saakashvili, Ucraina
adv-123
Articoli Correlati