adv-508
<< AMBIENTE

Crollo della Corrente del Golfo, gli scienziati: è crisi climatica

| 6 Agosto 2021 | AMBIENTE

Gli scienziati del clima hanno rilevato segnali di pericolo del crollo della Corrente del Golfo, uno dei principali potenziali punti di non ritorno del pianeta.

La ricerca ha riscontrato “una quasi completa perdita di stabilità nell’ultimo secolo” delle correnti che i ricercatori chiamano la circolazione meridionale atlantica rovesciata (AMOC). Le correnti sono già al punto più lento da almeno 1.600 anni , ma la nuova analisi mostra che potrebbero essere vicine alla chiusura.

Un tale evento avrebbe conseguenze catastrofiche in tutto il mondo, interrompendo gravemente le piogge da cui dipendono miliardi di persone per il cibo in India, Sud America e Africa occidentale; aumento delle tempeste e abbassamento delle temperature in Europa; e l’innalzamento del livello del mare nel Nord America orientale. Inoltre metterebbe ulteriormente in pericolo la foresta pluviale amazzonica e le calotte glaciali antartiche.

La complessità del sistema AMOC e l’incertezza sui livelli del futuro riscaldamento globale rendono impossibile per ora prevedere la data di un eventuale crollo. Potrebbe essere entro un decennio o due, o diversi secoli di distanza. Ma l’impatto colossale che avrebbe significa che non deve mai essere permesso che accada, hanno detto gli scienziati.

“I segni di destabilizzazione già visibili sono qualcosa che non mi sarei aspettato e che trovo spaventoso”, ha affermato Niklas Boers, dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico in Germania, che ha svolto la ricerca. “È qualcosa che non puoi (permettere) che accada.”

Non è noto quale livello di CO2 possa innescare un collasso dell’AMOC, ha affermato. “Quindi l’unica cosa da fare è mantenere le emissioni il più basse possibile. La probabilità che questo evento di altissimo impatto accada aumenta con ogni grammo di CO2 che immettiamo nell’atmosfera”.

Gli scienziati sono sempre più preoccupati per i punti di non ritorno: grandi, rapidi e irreversibili cambiamenti del clima. Boers e i suoi colleghi hanno riferito a maggio che una parte significativa della calotta glaciale della Groenlandia è sull’orlo, minacciando un grande aumento del livello globale del mare. Altri hanno dimostrato di recente che la foresta pluviale amazzonica sta emettendo più CO2 di quanta ne assorbe e che l’ondata di caldo siberiana del 2020 ha portato a preoccupanti rilasci di metano.

Il mondo potrebbe aver già attraversato una serie di punti di non ritorno , secondo un’analisi del 2019, risultando in “una minaccia esistenziale per la civiltà”. Un importante rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, previsto per lunedì, dovrebbe illustrare il peggioramento della crisi climatica.

La ricerca di Boer, pubblicata sulla rivista Nature Climate Change, si intitola “Segnali di allerta precoce basati sull’osservazione per un crollo dell’AMOC”. Il nucleo di ghiaccio e altri dati degli ultimi 100.000 anni mostrano che l’AMOC ha due stati: uno veloce e forte, come visto negli ultimi millenni, e uno lento e debole. I dati mostrano che l’aumento delle temperature può far passare bruscamente l’AMOC da uno stato a cinque decenni.

L’AMOC è guidato dall’acqua di mare densa e salata che affonda nell’Oceano Artico, ma lo scioglimento dell’acqua dolce dalla calotta glaciale della Groenlandia sta rallentando il processo prima di quanto suggerito dai modelli climatici.

I boeri hanno usato l’analogia di una sedia per spiegare come i cambiamenti nella temperatura e nella salinità dell’oceano possono rivelare l’instabilità dell’AMOC. Spingere una sedia ne altera la posizione, ma non ne pregiudica la stabilità se tutte e quattro le gambe rimangono sul pavimento. L’inclinazione della sedia ne modifica sia la posizione che la stabilità.

Otto set di dati misurati in modo indipendente di temperatura e salinità risalenti a 150 anni fa hanno permesso ai boeri di dimostrare che il riscaldamento globale sta effettivamente aumentando l’instabilità delle correnti, non solo cambiando il loro modello di flusso.

L’analisi ha concluso: “Questo declino [dell’AMOC negli ultimi decenni] può essere associato a una perdita quasi completa di stabilità nel corso dell’ultimo secolo e l’AMOC potrebbe essere vicino a una transizione critica verso la sua modalità di circolazione debole”.

Levke Caesar, della Maynooth University in Irlanda, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha dichiarato: “Il metodo di studio non può darci una tempistica esatta di un possibile collasso, ma l’analisi presenta prove che l’AMOC ha già perso stabilità, cosa che prendo come un avvertimento che potremmo essere più vicini a una mancia AMOC di quanto pensiamo.

David Thornalley, dell’University College di Londra nel Regno Unito, il cui lavoro ha mostrato che l’AMOC è al suo punto più debole in 1.600 anni, ha dichiarato: “Questi segnali di stabilità decrescente sono preoccupanti. Ma non sappiamo ancora se si verificherà un collasso o quanto potremmo esservi vicini”.

TAG: clima, crisi climatica, pericolo
adv-884
Articoli Correlati