adv-492
<< CRONACA

E’ di Francesco Pantaleo, 23 anni, il corpo carbonizzato ritrovato in un campo

| 31 Luglio 2021 | CRONACA

Il cadavere carbonizzato trovato lo scorso 25 luglio in un campo a San Giuliano Terme, provincia di Pisa, è dello studente universitario Francesco Pantaleo, scomparso dal pisano un giorno prima della scoperta della salma. Il corpo è stato identificato con la comparazione del Dna dei campioni biologici concessi agli inquirenti dai familiari del ragazzo. L’esame della Tac eseguito negli scorsi giorni, secondo fonti investigative, non avrebbe rivelato ferite precedenti agli effetti delle fiamme.

A denunciare la scomparsa di Pantaleo, 23enne originario di Marsala (Trapani), erano stati i suoi genitori, preoccupati perché non riuscivano più a mettersi in contatto con il figlio. Lo studente frequentava la facoltà di Ingegneria informatica all’Università di Pisa e avrebbe completato a breve il ciclo di studi triennale. Non sono ancore chiare le circostanze né della sua scomparsa né della sua morte. Si attendono i risultati dell’autopsia, in programma per la prossima settimana.

Gli investigatori non escludono alcuna ipotesi. Dopo il ritrovamento del cadavere, carabinieri e medici legali avevano attribuito la salma a un uomo di origini africane e le indagini si erano concentrate soprattutto tra gli ambienti della marginalità sociale e dello spaccio di stupefacenti a Pisa.

adv-540

Delle ricerche e delle indagini sulla sparizione dello studente si era occupata finora, invece, la squadra mobile. Il giovane, quando era uscito di casa l’ultima volta, aveva lasciato tutti i suoi effetti personali nell’appartamento che condivideva con altri due studenti fuori sede: portafoglio, bancomat, telefono cellulare, computer e occhiali da vista.

TAG: indagini, Pisa
adv-2
Articoli Correlati