adv-588
<< AMBIENTE

I leader mondiali s’impegnano a cooperare per il clima

| 23 Aprile 2021 | AMBIENTE

I leader di Russia e Cina hanno messo da parte le loro polemiche controversie con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbastanza a lungo da impegnarsi nella cooperazione internazionale per ridurre le emissioni di carbone e petrolio che distruggono il clima in un vertice in streaming che mostra il ritorno dell’America alla lotta contro il riscaldamento globale.

Vladimir PutinXi Jinping hanno immediatamente seguito gli Stati Uniti e alcuni dei suoi alleati sviluppati nel fare nuovi impegni specifici per ridurre l’inquinamento dannoso da combustibili fossili durante il primo giorno del vertice di due giorni ospitato dagli Stati Uniti. Ma i sostenitori del clima speravano che il raduno virtuale di alto profilo – anche se pieno di glitch – avrebbe dato il via a una nuova azione da parte dei principali inquinatori, aprendo la strada a una riunione delle Nazioni Unite a novembre a Glasgow, fondamentale per rallentare drasticamente il cambiamento climatico nel prossimo decennio.

Il mondo intero deve affrontare “un momento di pericolo” ma anche “un momento di opportunità”, ha dichiarato Biden, parlando da un set televisivo blu-cromo per il vertice virtuale di 40 leader mondiali. I partecipanti sono apparsi uno dopo l’altro sullo schermo per quello che sembrava essere un mix di indirizzi live e registrati.

“I segni sono inconfondibili”, ha detto Biden. “La scienza è innegabile. Il costo dell’inazione continua a salire. “

Il nuovo impegno di Biden negli Stati Uniti, programmato per il vertice, taglierebbe le emissioni di combustibili fossili americane fino al 52% entro il 2030. Arriva dopo quattro anni di ritiro internazionale dalla questione sotto il presidente Donald Trump, che ha deriso la scienza del cambiamento climatico e ha ritirato la Stati Uniti fuori dallo storico accordo sul clima di Parigi del 2015.

L’amministrazione di Biden questa settimana sta delineando una visione di Stati Uniti ricchi di energia pulita, dove le fabbriche sfornano batterie all’avanguardia e auto elettriche per l’esportazione, i lavoratori di linea ricostruiscono un’efficiente rete elettrica nazionale e gli equipaggi limitano le piattaforme petrolifere e del gas abbandonate e miniere di carbone.

Ma il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha respinto i piani dell’amministrazione come costosi e inefficaci.

“Questo è abbastanza uno-due pugno”, ha detto McConnell in un discorso al Senato giovedì. “Richieste sdentate dei nostri avversari stranieri…e massimo dolore per i cittadini americani.”

Al vertice, il Giappone ha annunciato il proprio nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni del 46% e la Corea del Sud ha affermato che interromperà il finanziamento pubblico di nuove centrali elettriche a carbone, un passo potenzialmente importante per persuadere la Cina e altre nazioni dipendenti dal carbone a frenare la costruzione e il finanziamento di anche di nuovi.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau, uno dei leader mostrati a guardare i lavori del vertice nella familiare schermata della conferenza multibox in stile Brady Bunch della pandemia di coronavirus, ha affermato che la sua nazione aumenterà i tagli dell’inquinamento da combustibili fossili dal 30% ad almeno il 40%.

Le precauzioni di viaggio durante la pandemia hanno costretto il vertice a giocare in live streaming, limitando le opportunità di interazione e negoziazione spontanee. I suoi orari di apertura erano talvolta contrassegnati da echi elettronici, segnali acustici casuali e voci fuori campo.

Ma il vertice ha anche organizzato un’impressionante dimostrazione dei leader più potenti del mondo che parlano della singola causa del cambiamento climatico.

La cinese Xi, il cui paese è il più grande responsabile delle emissioni al mondo, seguita dagli Stati Uniti, ha parlato per prima tra le altre figure globali. Non ha fatto riferimento a controversie su rivendicazioni territoriali, commercio e altre questioni che avevano reso incerto fino a mercoledì che avrebbe preso parte al vertice degli Stati Uniti. E ha detto che la Cina lavorerà con l’America per ridurre le emissioni.

“Proteggere l’ambiente significa proteggere la produttività, e promuovere l’ambiente significa aumentare la produttività. È così semplice “, ha detto Xi.

Putin e il suo governo sono stati arrabbiati per la caratterizzazione di Biden di lui come un “assassino” per le mosse aggressive della Russia contro i suoi oppositori, ed è sotto pressione questa settimana per il declino della salute del personaggio dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny. Ma non ha fatto menzione di quelle controversie nelle sue osservazioni sul clima.

“La Russia è sinceramente interessata a stimolare la cooperazione internazionale in modo da cercare ulteriormente soluzioni efficaci al cambiamento climatico, nonché a tutte le altre sfide vitali”, ha detto Putin. La Russia, secondo alcune misure, è il quarto più grande emettitore al mondo di fumi di combustibili fossili dannosi per il clima.

Gli sforzi per il clima negli ultimi anni si sono rivelati un forum in cui anche i leader mondiali rivali vogliono essere visti come mettere da parte le controversie per servire come uomini e donne di stato internazionali, anche se la produzione cumulativa delle emissioni di combustibili fossili sta ancora precipitando la Terra verso aumenti disastrosi della temperatura.

La pandemia ha reso troppo rischioso radunare i leader mondiali per il vertice sul clima. Quindi lo staff di Biden ha costruito un piccolo set nella East Room che sembrava fosse stato preso da un talk show diurno.

Biden e il vicepresidente Kamala Harris si sono uniti al Segretario di Stato Antony Blinken e all’inviato per il clima della Casa Bianca John Kerry a un tavolo a forma di ferro di cavallo allestito attorno a una gigantesca pianta in vaso per assistere ai discorsi dei colleghi leader.

Il formato prevedeva una cavalcata di brevi discorsi dei leader mondiali, alcuni scritti, altri no. “Questo non è abbracciare un coniglio”, ha detto il primo ministro britannico Boris Johnson degli sforzi per il clima. “Si tratta di crescita e occupazione”.

L’impegno dell’amministrazione Biden richiederebbe di gran lunga lo sforzo climatico statunitense più ambizioso mai realizzato, quasi raddoppiando le riduzioni che l’amministrazione Obama si era impegnata nell’accordo sul clima di Parigi.

La cancelliera tedesca Angela Merkel è stata uno dei tanti alleati che hanno accolto con favore il ritorno degli Stati Uniti dopo Trump.

“Sono felice di vedere che gli Stati Uniti sono tornati, sono tornati a lavorare insieme a noi nella politica climatica”, ha dichiarato la Merkel nel suo aspetto virtuale. “Perché non ci possono essere dubbi sul fatto che il mondo abbia bisogno del tuo contributo se vogliamo davvero raggiungere i nostri obiettivi ambiziosi.”

Papa Francesco ha contribuito con un video dal Vaticano, dicendo: “Ti auguro successo in questa bellissima decisione di incontrarti, camminare insieme andando avanti e io sono con te per tutto il percorso”.

La nuova urgenza arriva quando gli scienziati affermano che il cambiamento climatico causato dalle centrali a carbone, dai motori delle automobili e da altri combustibili fossili sta peggiorando la siccità, le inondazioni, gli uragani, gli incendi e altri disastri e che gli esseri umani stanno esaurendo il tempo per evitare catastrofici estremi del riscaldamento globale .

I leader degli stati più piccoli e delle nazioni insulari colpite dall’innalzamento del mare e dall’aggravarsi degli uragani hanno chiesto aiuti e rapidi tagli alle emissioni da parte delle potenze mondiali.

“Siamo i meno contributori alle emissioni di gas serra, ma i più colpiti dai cambiamenti climatici”, ha detto Gaston Alfonso Browne, primo ministro di Antigua e Barbuda. Ha chiesto la cancellazione del debito e una maggiore assistenza internazionale per riprendersi dalle tempeste e dalla pandemia per prevenire un flusso di rifugiati climatici. La sua gente, ha detto, “vacilla sull’orlo della disperazione”.

Esperti di politica climatica di lunga data, non estranei ai vertici sul clima con impegni solenni, hanno assistito ad alcuni discorsi con scetticismo. Dopo che il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha promesso la fine del taglio netto in Amazzonia, Dan Wilkinson dei programmi ambientali di Human Rights Watch ha osservato: “Sarà difficile per chiunque prenderlo sul serio fino a quando non inizierà effettivamente a prendere provvedimenti”.

TAG: cambiamento climatico, inquinamento, UE, USA
adv-887
Articoli Correlati