adv-212
<< POLITICA

Il ministro Orlando presenta il dossier su lavoro e ammortizzatori sociali

| 28 Febbraio 2021 | POLITICA

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha aperto il tavolo di confronto con le parti sociali sulla riforma degli ammortizzatori sociali. Orlando ha presentato il suo dossier, un documento del ministero sottoposto all’esame di sindacati e associazioni di imprese. Si lavora soprattutto alla velocizzazione dei pagamenti Cig e alla semplificazione delle procedure. E il ministro annuncia: “Occorre porre le basi per realizzare un sistema di protezione sociale universale”.

Il ministro Orlando ha spiegato che “alcune norme potrebbero essere anticipate negli strumenti e nei veicoli normativi che si offriranno già nelle prossime settimane senza attendere la conclusione della discussione” sulla riforma nel suo complesso.

Orlando ha annunciato anche che oltre ad “affrontare e risolvere le criticità emerse in questi mesi”, “occorre” anche “porre le basi per realizzare un sistema di protezione sociale universale”.

adv-749

L’istituzione di un sistema di protezione sociale universale, emerge dal dossier, dovrebbe essere accompagnato da un “potenziamento delle politiche attive”, e dalla “attivazione di significative azioni di politica industriale verticale e selettive basate su investimenti di risorse pubbliche”.

Per il ministero, “una protezione sociale di matrice universale non può prescindere dal potenziamento e dall’adeguamento delle competenze professionali delle lavoratrici e dei lavoratori”. E perciò “da questo punto di vista, il potenziamento e la razionalizzazione del sistema delle politiche attive diviene un passaggio fondamentale”.

Tra gli obiettivi principali della riforma ci sarà quello di velocizzare i tempi di pagamento della cig. Si punta anche a snellire le procedure attraverso una gestione centralizzata e unica delle domande.

“La frammentazione delle procedure – si legge infatti nel documento presentato da Orlando – rischia di fatto di comportare la costituzione di differenti discipline e sistemi (autorizzativi e gestionali), con rilevanti conseguenze in termini di dilazione di tempi e incertezze applicative”.

Per il ministero è necessario quindi “adottare una regia centralizzata e unitaria delle gestioni e delle procedure di autorizzazione delle istanze”.

Un primo passo in tal senso, viene ricordato, “è stato compiuto dal ministero del Lavoro con l’istituzione di uno sportello unico a cui hanno potuto rivolgersi le imprese cosiddette plurilocalizzate in modo da semplificare e unificare le diverse domande cassa integrazione guadagni”.

Il documento illustrato da Orlando propone anche di “prevedere nel prossimo decreto ristori (che si chiamerà decreto Sostegno, ndr) ulteriori automazioni dei processi di trasmissione dei dati di pagamento della cassa integrazione con l’obiettivo di ridurre ulteriormente i tempi di pagamento della cassa integrazione guadagni”.

In particolare, spiega il ministero, “l’ipotesi normativa allo studio permetterà di sostituire il modello SR41 con una diretta integrazione dei dati per la Cig nel flusso Uniemens, il che consentirà una più immediata lavorazione dei dati per i pagamenti”.

Verrà, inoltre, istituita una live chat per i lavoratori che vogliano avere informazioni dirette sullo stato della propria Cig.

Infine, sul portale dell’Inps sarà introdotta una evoluzione dell’applicativo Cip che permetterà ai lavoratori di consultare in totale trasparenza lo stato di progressione della domanda a essi relativa.

TAG: ammortizzatori sociali, dossier, ministro Orlando, riforma
adv-167
Articoli Correlati