fbpx
adv-362
<< POLITICA

Il day after del premier Conte: “Avanti con il rafforzamento della maggioranza”

| 21 Gennaio 2021 | POLITICA
Conte-Mattarella

Il giorno dopo aver incassato la fiducia anche dal Senato, il premier Conte riunisce le forze di governo a Palazzo Chigi per fare il punto e, alla fine del vertice, si spiega in una nota unitaria che è emersa la volontà di andare avanti con il rafforzamento della maggioranza.

“Avanti con il percorso di rafforzamento della maggioranza e di scrittura del nuovo patto di legislatura”, avrebbero concordato i capi delegazione e i leader dei partiti di governo, nel vertice in videoconferenza con il premier Giuseppe Conte che è andato al Quirinale. Sarebbe stato un incontro “interlocutorio”, durato circa 50 minuti, che ha l’obiettivo, si è appreso, di riferire al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, gli sviluppi della crisi politica dopo il voto di fiducia di ieri.

“Accelerare in quella parte di attività di governo che è stata rallentata dagli steccati, spesso pretestuosi, alzati dalle ministre di IV per dare risposte ancor più efficaci al Paese”.

adv-556

Questa, secondo fonti di primo piano del Movimento, è una delle priorità emerse durante il vertice di maggioranza. Un’accelerazione, si spiega “che l’Esecutivo è in grado di mettere in campo a maggior ragione adesso che non c’è più il peso dell’ostruzionismo interno di Renzi”.

Intanto anche il centrodestra si è riunito e ha annunciato l’intenzione di appellarsi al Colle. “Il Paese non può restare ostaggio di un governo incapace, arrogante e raccogliticcio. Si tratta di una minoranza di governo che continua la sfacciata e scandalosa compravendita di parlamentari e che non si fa scrupoli a imbarcare chi, eletto col centrodestra, ha tradito l’impegno preso con gli elettori. Il centrodestra intende rappresentare al Presidente della Repubblica il proprio punto di vista sulla situazione che è ormai insostenibile”, si legge in una nota congiunta del centrodestra al termine del vertice. Nella quale si aggiunge: “Nonostante le forzature del governo e le continue scorrettezze, nonostante una pretesa autosufficienza che non esiste, il centrodestra non intende privare le famiglie e le aziende italiane degli aiuti necessari in un momento così drammatico: per questa ragione, come annunciato, voterà compatto lo scostamento di bilancio”.

Il leader di Italia Viva Matteo Renzi, intanto, si dice disposto a discutere di tutto con tutti, tranne che con la destra: “Anche di un governo di unità nazionale”, sottolinea. Anche se torna ad attaccare il premier parlando di un “Conte dimezzato”. “In Italia il governo Conte – perdendo Teresa, Elena e Ivan – ha perso anche la maggioranza assoluta al Senato. Chi conosce la politica sa cosa questo significa nell’attività parlamentare e nella credibilità istituzionale. Dopo il Conte 1, dopo il Conte Bis ora siamo al Conte dimezzato. Peccato che il Premier abbia messo la sua paura di perdere Palazzo Chigi davanti alle esigenze e ai bisogni del Paese”, scrive il leader di Iv, nella sua newsletter.

“Il governo non c’è più: è aritmeticamente vivo ma politicamente morto”, dice l’altro esponente di Iv che si è dimesso dall’Esecutivo, Ivan Scalfarotto che spiega così la decisione di astenersi sulla fiducia: “Non abbiamo votato contro perché teniamo un atteggiamento responsabile, non vogliamo creare problemi plateali”.

TAG: fiducia, Palazzo Chigi, premier Conte, Quirinale
adv-322
Articoli Correlati