adv-309
<< EUROPA

Il sito web pro-Brexit perde il proprio dominio .eu

| 18 Gennaio 2021 | EUROPA

A peggiorare le cose per i sostenitori del sito, l’uomo indicato come proprietario del sito, un uomo d’affari di Waterford in Irlanda, ha negato qualsiasi conoscenza del gruppo politico e afferma che il suo nome è stato usato senza il suo permesso.

Il dominio di primo livello .eu può essere utilizzato solo da individui o organizzazioni registrati nell’UE, motivo per cui il dominio ha cambiato la sua registrazione nel periodo precedente alla fine del 2019, quando la modifica è entrata in vigore. Il sito è ora registrato in Irlanda all’insaputa dell’uomo indicato come proprietario.

L’uomo d’affari Sean Power ha detto al Guardian la scorsa settimana: “I miei avvocati stanno esaminando la questione per mio conto e si metteranno in contatto se ritenuto necessario a tempo debito”.

La questione è stata sollevata dal parlamentare irlandese Neale Richmond in una lettera alle telecomunicazioni del paese chiedendogli di indagare su come fosse possibile dirottare l’identità di qualcuno in questo modo.

È assolutamente ridicolo pensare che Leave.EU potrebbe placcare un indirizzo a Waterford per mantenere il loro nome di dominio”, ha detto Richmond venerdì. “Volevano lasciare l’UE, l’hanno fatto, il che significa che anche loro lasciano il loro dominio”.

Il gruppo di lobby Leave.EU è stato originariamente istituito dall’uomo d’affari Aaron Banks, che ha utilizzato parte della sua fortuna personale per fare pressioni per la Brexit.

Il sito rimane inattivo questa mattina, ma il gruppo ha detto di essere fiducioso che la questione sarà presto risolta.

Torneremo presto. I nostri avvocati interverranno contro coloro (e sanno chi sono) che hanno infranto quelle deliziose leggi dell’UE che amano così tanto “, ha detto al Guardian Andy Wigmore, direttore delle comunicazioni per il gruppo di campagna.

TAG: Bretix, Europa, UE
adv-885
Articoli Correlati