fbpx
adv-630
<< POLITICA

Covid. Germania-Italia 4 a 0. La vergogna di casa nostra triplicata dal confronto col discorso della Merkel

| 10 Dicembre 2020 | POLITICA

Covid. Angela Merkel si emoziona, le si rompe la voce, parlando in Parlamento, pensando ai 590 morti in un giorno nella sua Germania. Una scena commovente, che di politico ha ben poco e di umano trabocca. Al di qua delle Alpi, quasi in contemporanea, come sempre va in scena il teatrino tra schieramenti politici. Il leader di Iv ribadisce la sua contrarietà alla governance del Recovery Fund. “Votiamo contro – dice Renzi – Se ha bisogno di altre poltrone (Conte, ndr), le nostre sono a disposizione”. La Camera dice sì alla riforma nonostante i 13 no dei 5S, in Forza Italia non votano in 16, tra cui Marta Fascina, compagna di Berlusconi.

Alla Camera la seduta era stata quasi dignitosa, mentre al Senato i nostri politicanti hanno dato il meglio di sé, Renzi in primis.

Nonostante ciò, l’Aula  ha approvato la risoluzione di maggioranza, presentata sulla riforma, in vista del consiglio europeo. I favorevoli sono stati 156, 129 i contrari e 4 gli astenuti. “Sono tranquillo”, risponde ai giornalisti  il premier Giuseppe Conte, lasciando il Senato, mostrando una certa sobria serenità che non potrà mai esser paragonata allo stato d’animo della cancelliera tedesca.

adv-180

La profondità dell’intervento di Angela Merkel al Bundestag ha fatto il giro del mondo e con questa notizia ha titolato il quotidiano tedesco Bild, rimarcando l’inusuale atteggiamento mostrato dalla cancelliera. Si parlava della  necessità di ridurre i contatti anche nelle festività per frenare l’epidemia di Covid-19 che ha fatto registrare il picco di decessi, 590.

La Merkel ha affermato, con voce quasi spezzata, che “se la scienza chiede” di anticipare le vacanze, “si deve trovare una strada”.

Mi dispiace, mi dispiace di cuore, ha ripetuto la Merkel in uno dei passaggi più forti del discorso, ma “fino a Natale ci sono ancora due settimane, 14 giorni…”,  al momento in Germania i contagi continuano ad aumentare. “E se il prezzo sono 590 morti al giorno, questo non è accettabile”, ha concluso in maniera accorata, in modo per lei del tutto insolito.

Bella pagina di politica, bellissima, da ricordare, anche perché in Italia, purtroppo, non si verificherà mai.

TAG: Camera, Conte, covid, Danila S. Santagata, Danila Santagata, FI, IV, M5S, Merkel, Recovery Fund, Renzi, Senato
adv-153
Articoli Correlati