adv-688
<< EUROPA

Il Regno Unito ignora la lettera di costituzione in mora dell’UE

| 4 Novembre 2020 | EUROPA

Il Regno Unito non è riuscito a rimuovere alcune “disposizioni problematiche” dal suo controverso progetto di legge sul mercato interno che “consentirebbe alle autorità britanniche di ignorare l’effetto giuridico delle disposizioni sostanziali del protocollo ai sensi dell’accordo di recesso”.

Ciò ha spinto l’Europa ad avviare una procedura di infrazione e inviare una lettera di costituzione in mora il 1 ° ottobre invitando il governo del Regno Unito “a inviare le sue osservazioni entro un mese”, ha spiegato all’epoca il presidente della Commissione Ursula von der Leyen, ma il Regno Unito non ha risposto.

“Pertanto stiamo valutando i prossimi passi, compreso il rilascio di un parere motivato”, ha detto un portavoce della Commissione europea. Il parere motivato è un prerequisito per un eventuale deferimento alla Corte di giustizia dell’UE.

Sebbene la Gran Bretagna abbia lasciato l’UE alla fine di gennaio, si trova attualmente in un periodo di transizione durante il quale continua ad applicare le norme dell’UE fino al 31 dicembre.

Se adottato così com’è, il disegno di legge sul mercato interno minerà il protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord, che dovrebbe entrare in vigore alla fine del periodo di transizione per evitare il ritorno di un confine tra le due parti dell’isola che potrebbe minacciare la pace.

Nel frattempo, il Regno Unito e l’UE stanno proseguendo i negoziati a Bruxelles questa settimana per cercare di raggiungere un accordo sulle loro relazioni future. La Commissione ha commentato che stavano lavorando per un accordo ma che restava molto lavoro da fare.

Se non si raggiungerà un accordo entro il 31 dicembre, le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) si applicheranno al commercio tra il Regno Unito e l’UE, con tariffe elevate e ampi controlli doganali.

TAG: Boris Johnson, Brexit, Regno unito, UE, Ursula von der Leyen
adv-947
Articoli Correlati