adv-947
<< SPORT

Giovani e forti: tre tennisti italiani nella top 100 degli under 19

| 21 Ottobre 2020 | SPORT

Che il tennis maschile italiano stia vivendo un periodo di rinascita e splendore (diciamo, simbolicamente, da quando Cecchinato ha sconfitto Djokovic al Roland Garros del 2018), è ormai un argomento sulla bocca di tutti.

I risultati parlano chiaro e continuano a farlo torneo dopo torneo, settimana dopo settimana. Abbiamo, con le nuove classifiche di lunedì, la bellezza di otto giocatori nella top 100 (Berrettini, Fognini, Sonego, Sinner, Travaglia, Cecchinato, Caruso e Mager) e altri otto azzurri posizionati tra il numero 103 e il numero 179 al mondo (Seppi, Musetti, Gaio, Lorenzi, Giustino, Giannessi, Fabbiano e Marcora).

Gli Internazionali di Roma, il Roland Garros e l’ATP di Sardegna, disputati in quest’autunno così insolito per il calendario consueto, hanno visto tantissime conferme e numerosissimi colpi di scena, provenienti, in larga parte, anche dai tennisti italiani.

adv-385

A stupire più di tutti sono stati i giovanissimi Lorenzo Musetti e Jannik Sinner, che nello slam parigino si è spinto fino ai quarti per cedere soltanto a Rafael Nadal, che poi ha vinto il torneo per la tredicesima volta in carriera (Nadal batte Djokovic 3-0 e vince a Parigi per la 13a volta).

Il “teenager ranking” di Ubitennis

Ed è proprio sui più giovani che si concentra una speciale top 10, chiamata “teenager ranking”, che è uscita nelle pagine social di Ubitennis la sera di lunedì 19 ottobre. Si tratta di una classifica che comprende al proprio interno il posizionamento dei migliori tennisti che hanno meno di 20 anni, che sono nati cioè dal 2001 in poi. “Perchè ci teniamo a mostrarvela?”, si chiede la redazione del giornale online.

La risposta è semplice: “perché in top 10 ci sono ben tre italiani e le prime due posizioni sono saldamente azzurre. I nomi sono quelli che conoscete: al primo posto c’è Jannik Sinner, al secondo Lorenzo Musetti e al nono Giulio Zeppieri, che di Musetti è un grande amico”.

Sì, perchè da lunedì Musetti è il numero 123 al mondo (+21 punti), bussa alle porte della top 100 e non ha intenzione di abbassare il suo livello di gioco. Per fortuna, dopo il ritiro durante la semifinale degli ATP di Sardegna, ha fatto sapere di stare bene e di avere, al gomito destro, soltanto una forte infiammazione che lo terrà a riposo per una settimana o dieci giorni. Il suo rientro in campo dovrebbe avvenire al challenger di Parma il 2 novembre.

A guidare la classifica, come ormai è risaputo, c’è Jannik Sinner, che da un anno a questa parte non ha più bisogno di presentazioni. I grandi sponsor che cercano di puntare sulla sua immagine sono indice della potenza di un giocatore che continua a crescere e a impressionare, a suon di diritti e colpi vincenti, pubblico e avversari. Attualmente è il numero 46 al mondo.

L’ultimo italiano presente in questo “teenager ranking”, in nona posizione, è Giulio Zeppieri. Il tennista di Roma ha del grande potenziale e, pur trovandosi più indietro in classifica rispetto a Sinner e Musetti, può sicuramente migliorare il suo gioco ed avanzare in territori più competitivi.

Una menzione più che meritata va infine allo spagnolo Carlos Alcaraz, il più giovane della classifica (classe 2003), in terza posizione, e, tra i tennager di tutto il mondo, sicuramente uno dei più affamati. Ad appena 17 anni è il numero 136 ATP, è già ricco di titoli challenger in bacheca e certamente è pronto per entrare tra i primi 100 del mondo.

Forse è ancora presto per dirlo, ma, citando i colleghi di Ubitennis, il futuro del tennis sembra essere molto roseo. E, con grande gioia, anche molto azzurro.

TAG: ATP, Jannik Sinner, Tennis
adv-439
Articoli Correlati