L’UE e la Russia appoggiano l’OMS, dopo le minacce di Trump

293

Ieri la Commissione europea e la Russia hanno sostenuto l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dopo la minaccia del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di tagliare definitivamente i finanziamenti.

“Questo è il momento della solidarietà”, ha dichiarato la portavoce della Commissione Virginie Battu durante una conferenza stampa a Bruxelles. “Non è il momento di puntare il dito o indebolire la cooperazione multilaterale”.

Gli sforzi multilaterali sono l’unica opzione praticabile per sconfiggere il nuovo coronavirus (Covid-19), secondo Battu.

La Russia ha anche denunciato i tentativi degli Stati Uniti di “spezzare” l’OMS, “che andrebbe nella direzione degli interessi politici o geopolitici di un singolo stato, in altre parole gli Stati Uniti”, ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergei Riabkov, citato dal russo agenzie giornalistiche.

Trump ha accusato l’OMS di aver maltrattato la crisi del coronavirus e ha minacciato di ritirare definitivamente i contributi statunitensi se non si fosse impegnato in “importanti miglioramenti sostanziali” entro 30 giorni. Ha anche accusato l’organizzazione di essere un burattino della Cina.

close