fbpx
adv-165
<< CRONACA

Maturità 2020: ecco le novità

| 8 Maggio 2020 | CRONACA

Orale, della durata di un’ora e diviso in cinque parti: così quest’anno sarà strutturato l’Esame di Stato. Ad annunciarlo, durante un question time alla Camera il pomeriggio del 6 maggio, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Per 500 mila studenti la prova di Maturità prenderà avvio il 17 giugno e, a meno che non si verifichi una ripresa del Covid-19, si effettuerà nelle aule dei propri Istituti Scolastici e nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. A tal proposito si sta infatti lavorando a specifici protocolli.

La prova si svolgerà davanti ad una commissione composta da membri interni al Consiglio di classe e da un Presidente esterno, in modo, viste le difficoltà degli ultimi mesi, da mettere a proprio agio gli studenti. Per evitare l’ipotesi di assenza dei commissari all’ultimo minuto, in caso di comprovate ragioni di salute, per questi sarà possibile un collegamento da casa.

adv-688

Come si svolgerà l’esame

L’esame consisterà in un colloquio orale della durata di un’ora (gli scritti sono stati eliminati) e sarà diviso in cinque parti:

  1. esposizione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo su un argomento scelto dagli studenti insieme ai professori. E’ molto simile alla vecchia tesina e va a sostituire la seconda prova;
  2. discussione di un breve testo di letteratura italiana già oggetto di studio durante il quinto anno;
  3. analisi di materiali scelti dalla commissione;
  4. esposizione della propria esperienza in riferimento all’alternanza scuola-lavoro;
  5. accertamento delle conoscenze relative a Cittadinanza e Costituzione con possibili collegamenti all’impatto che l’epidemia di Covid-19 ha avuto nel nostro sistema e nella nostra quotidianità.

Ogni parte dell’esame sarà valutata secondo una griglia di valutazione nazionale con indicazioni precise.

Come arrivare al punteggio finale

Anche nell’assegnazione del voto finale saranno inserite delle importanti novità. Il valore dell’orale potrà arrivare a 40 dei 100 punti totali e gli altri 60 saranno invece da riferirsi alla somma dei crediti ottenuti durante il triennio. In questo modo sarà premiato maggiormente il percorso dello studente nel suo insieme.

I punto critico rimane il virus

In attesa di ulteriori indicazioni, il problema principale rimane quello della sede dell’esame, che dipende imprescindibilmente dall’andamento del virus nelle settimane a venire. Come già ricordato, il Ministero dell’Istruzione preferisce una prova d’esame in presenza e all’interno degli edifici scolastici, nel pieno rispetto delle regole e delle norme di igiene e sicurezza. Se la crisi dovesse tornare a farsi sentire, però, sarebbe forse il caso di formulare una diversa decisione.

TAG: #Istruzione, esame di maturità
adv-620
Articoli Correlati