adv-188
<< EUROPA

Coronavirus: l’Europa continua il suo deconfinamento, l’Italia riapre

| 4 Maggio 2020 | EUROPA

Con un ulteriore allentamento previsto per l’inizio della settimana in quindici paesi, l’Europa sta iniziando a deconfinare le sue popolazioni, come l’Italia, chiusa per due mesi dalla pandemia e che attende con ansia il parziale allentamento di restrizioni.

Dall’altra parte dell’Atlantico, gli Stati Uniti hanno nuovamente rafforzato il tono nei confronti della Cina, sostenendo di avere “una quantità significativa di prove” che il nuovo coronavirus proviene da un laboratorio nella città di Wuhan, culla della pandemia.

Incoraggiate dall’annuncio della domenica di 174 morti in Italia in 24 ore, il numero più basso dall’inizio del blocco, le autorità inizieranno una riduzione prevista da tutti, per ricominciare un’economia inginocchiata dalla malattia.

adv-928

“Voglio portare la mia vecchia mamma al mare, vero?” Si chiedeva Pietro Garlanti, 53 anni, maschera sul viso e guanti di plastica, mentre comprava il suo giornale in un chiosco nel centro di Roma: “Spero che i giornali ci diranno cosa possiamo fare o no”.

Domenica i principali viali storici nel centro di Roma erano quasi deserti, con alcuni rari corridori che giravano per i blocchi, o gli appassionati di ginnastica che si agitavano sulle terrazze.

Sottoposti dal 9 marzo a un rigoroso confinamento, gli italiani hanno subito il peso maggiore dell’epidemia di Covid-19, che ha causato la morte di quasi 29.000 persone.

“Inizia la fase 2. Dobbiamo essere consapevoli che questo sarà l’inizio di una sfida ancora più grande”, ha avvertito il capo responsabile della risposta alla pandemia, Domenico Arcuri.

Riapertura dei parchi, visite della famiglia, viaggi limitati e sorvegliati, vendite da asporto per bar e ristoranti, le nuove regole sono attese con impazienza dagli italiani.

Tuttavia, differiscono nelle venti regioni del paese, contribuendo a creare confusione. La Calabria e il Veneto hanno già attenuato le restrizioni, in particolare autorizzando la riapertura di bar e ristoranti.

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Trump ha nuovamente accusato la Cina di nascondere la gestione della pandemia. “Ci sono immense prove che questo è dove è iniziato”, ha detto il segretario di Stato americano Mike Pompeo, riferendosi a un laboratorio di virologia nella città di Wuhan.

“Non è la prima volta” che la Cina ha messo “il mondo in pericolo” a causa di “laboratori scadenti”, ha insistito.

Donald Trump ha spesso attaccato la Cina dall’inizio della pandemia, che ha notevolmente indebolito l’economia americana, la cui forza era di essere uno dei principali argomenti della sua campagna di rielezione.

Anche la Francia, molto colpita (24.895 morti), prevede di iniziare il suo deconfinamento l’11 maggio, ma con cautela e ad un ritmo diverso a seconda della regione. Rimangono molte domande sulla riapertura delle scuole.

Domenica la presidenza francese ha chiarito la situazione dei viaggiatori che arrivano sul suo territorio, garantendo che non venga imposta alcuna quarantena a coloro che provengono dall’UE, dallo spazio Schengen o dal Regno Unito.

La Spagna, dove il Covid-19 ha ucciso più di 25.000 e i cui 47 milioni di abitanti sono stati rinchiusi da metà marzo, ha riscoperto le gioie dello sport e delle passeggiate sabato. Il deconfinamento del paese deve continuare per fasi entro la fine di giugno. Il paese ha registrato 164 morti per coronavirus domenica, il dato giornaliero più basso in quasi sette settimane.

La revoca delle restrizioni è già ben avviata in Germania, dove le scuole stanno riaprendo gradualmente in alcuni Länder da lunedì; in Austria, dove le vie dello shopping di Vienna hanno ripreso la loro attività sabato con la riapertura dei negozi, nonché nei paesi scandinavi.

Un altro segno di normalizzazione, il ministro tedesco degli Interni e dello sport ha dichiarato di essere favorevole alla ripresa del campionato di calcio. Il che renderebbe la Germania il primo grande campionato europeo a fare questo passo.

Nell’Europa orientale, le terrazze di bar e ristoranti riapriranno da lunedì in Slovenia e Ungheria, tranne nella capitale Budapest. In Polonia apriranno anche hotel, centri commerciali, biblioteche e alcuni musei.

In Gran Bretagna, il primo ministro Boris Johnson ha promesso un piano di deconfinamento la prossima settimana. Anche in questo caso, il bilancio delle vittime è in calo (315 in 24 ore), ma i dati ufficiali spesso segnano un calo nei fine settimana, a causa di ritardi nelle registrazioni, seguiti da un’impennata.

Riferendosi all’imminente piano di contenimento, il Ministro Michael Gove ha dichiarato: “Penso che dovremo convivere con un certo grado di moderazione” fino a quando non verrà trovato un vaccino.

La pandemia ha ucciso almeno 245.576 persone in tutto il mondo dal suo esordio a dicembre in Cina, di cui oltre l’85% in Europa e negli Stati Uniti, secondo un ultimo rapporto elaborato sulla base di cifre ufficiali ammesse.

Circa 4,6 miliardi di persone sono ancora chiamate a rimanere a casa o soggette a restrizioni di movimento.

Negli Stati Uniti (oltre 67.000 decessi), nonostante i rapporti giornalieri ancora pesanti, oltre 35 dei 50 stati hanno iniziato a revocare o stanno per revocare le misure di contenimento, al fine di rilanciare l’economia.

In Israele, una parte delle classi primarie si è riaperta, tranne nei cosiddetti settori “a rischio”. “Che piacere vedervi bambini!” Ha esclamato Sigal Bar, direttore di una scuola a Mevasseret Tsion, vicino a Gerusalemme.

In Algeria molti negozi hanno riaperto la scorsa settimana, hanno dovuto chiudere nuovamente questo fine settimana in diverse regioni, tra cui Algeri, a causa del mancato rispetto delle norme igieniche e del distanziamento sociale.

In Brasile, che ha attraversato domenica il traguardo simbolico di 100.000 casi confermati di Covid-19 con 7.025 morti, il famoso fotografo Sebastiao Salgado ha lanciato domenica una petizione online firmata da star come Brad Pitt, Madonna e Paul McCartney, affermando che “misure urgenti” da parte delle autorità pubbliche per proteggere i contagiati dal coronavirus, a cui sono particolarmente vulnerabili.
TAG: brasile, coronavirs, deconfinamento, Europa, restrizioni, USA
adv-952
Articoli Correlati