fbpx
adv-170
<< EUROPA

Il capo dell’UE elogia la Grecia come “scudo” dell’Europa dopo che la polizia ha attaccato i rifugiati alla frontiera

| 4 Marzo 2020 | EUROPA
rifugiati al confine greco

I leader dell’Unione Europea hanno elogiato la Grecia come “scudo” dell’Europa contro i rifugiati, nonostante le prove emergenti del trattamento disumano e violento dei migranti da parte delle forze di sicurezza greche al confine del paese.

Un filmato proveniente dalla Grecia nei giorni scorsi ha mostrato che la polizia usa gas lacrimogeni nei campi profughi e spara in mare contro navi che trasportano persone sulle coste europee – in evidente violazione delle convenzioni internazionali sui rifugiati.

Ma Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha elogiato il governo greco e si è impegnata a donare 700 milioni di euro in fondi UE per il paese per aiutare a reprimere i migranti e i rifugiati. “Questo confine non è solo un confine greco, è anche un confine europeo. Ringrazio la Grecia per essere la nostra aspide europea in questi tempi”, ha detto Ursula von der Leyen, usando la parola greca come “scudo”. 

adv-661

Apparentemente indifferente alle violazioni umanitarie, Von der Leyen ha dichiarato: “Ringrazio le guardie di frontiera e le guardie costiere greche, la polizia, i militari e le donne di servizio e Frontex per il loro instancabile sforzo”.

Martedì il presidente della Commissione ha annunciato che l’agenzia di gestione delle frontiere dell’UE, Frontex, avrebbe anche combinato una squadra di “intervento rapido alle frontiere” che comprende sei pattuglie costiere, una nave marittima, due elicotteri, un aereo e altre 100 guardie di frontiera .

La Grecia ha visto un afflusso di migranti e rifugiati arrivare sulle sue coste dopo che la Turchia ha annunciato nel fine settimana che stava “aprendo le porte” e permettendo ai rifugiati dalla Siria di proseguire fino in Europa. Le forze di sicurezza hanno spesso reagito violentemente ai nuovi arrivati, attirando condanne da parte dei gruppi per i diritti umani.

Kyriákos Mitsotákis, primo ministro conservatore della Grecia, ha dichiarato che la Turchia è diventata “il trafficante ufficiale di migranti verso l’Unione europea”, in una crescente guerra di parole tra Atene e Ankara.

Il governo Mitsotákis è stato criticato dall’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati per la sospensione di tutte le domande di asilo per un mese – un’apparente violazione del diritto internazionale. “Anche le persone che entrano irregolarmente nel territorio di uno stato non dovrebbero essere punite se si presentano senza indugio alle autorità per chiedere asilo”, ha dichiarato l’UNHCR in una nota.

TAG: Grecia, guerra di Siria, Mitsotakis, Nazioni Unite, rifugiati, Turchia, Unhcr, Unione Europea, Ursula von der Leyen
adv-882
Articoli Correlati