mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home IL FORMAT Tennis, Marsiglia e Delray Beach: trionfano Tsitsipas e Opelka

Tennis, Marsiglia e Delray Beach: trionfano Tsitsipas e Opelka

-

Volgono al termine, domenica 23 febbraio, anche gli ATP 250 di Marsiglia e Delray Beach, vinti rispettivamente da Stefanos Tsitsipas e Reilly Opelka.

Marsiglia, Tsitsipas si riconferma campione per il secondo anno di fila

Il greco, sempre in ottima forma sul cemento francese (dove l’anno scorso ha superato in finale il kazako Mikhail Kukushkin ), vince il torneo in 2 set contro il canadese Felix Auger-Aliassime (63 64) e porta a casa il quinto titolo ATP in carriera senza perdere nemmeno un set. Il trionfo all’Open 13 è per il numero 6 al mondo un ottimo risultato, vista la recente delusione all’ATP di Rotterdam, e lascia ben sperare per la stagione sul cemento a venire.

Per Auger-Aliassime, invece, si tratta della quinta finale persa consecutivamente a livello ATP e della seconda a distanza di una sola settimana. Domenica 16 febbraio è stato infatti sconfitto da Gael Monfils con il punteggio di 62 64 (Gli ATP di Rotterdam, New York e Buenos Aires. Una settimana densa di episodi).
Se da un lato, quindi, il raggiungimento di una finale è sempre un buon risultato, dall’altro, affinchè il giovane possa esprimersi al meglio e con maggiore fiducia, è neccessario che inizi a vincere e a dimostrarsi più cinico, cattivo ed affamato nei momenti più delicati. I presupposti ci sono tutti.

Delray Beach, vince Opelka nei suoi Stati Uniti

Reilly Opelka trionfa invece nell’ATP 250 di Delray Beach, in Florida. Il gigante americano vince semifinale e finale nello stesso giorno, eliminando, a poche ore di distanza, prima il canadese Milos Raonic (46 76 63) e dopo il giapponese Yoshihito Nishioka (75 67 62). Entrambe le partite terminano al terzo set e, durante la semifinale, Opelka riesce persino ad annullare un match point all’avversario.

Potremmo dunque definire “eroico”, e senza alcuna esagerazione, il torneo del ragazzone di St.Joseph, alto 2.11 m. Da lunedì 24 febbraio sarà inoltre numero 39 al mondo. Conquistate 15 posizioni.

Ottima settimana anche per Nishioka, che dell’avversario in finale è più basso di ben 40 cm. Con le nuove classifiche, guadagna anch’egli 15 posti e da lunedì sarà in 48° posizione.

Una settimana molto giovane

Ciò che unisce i tre tornei di Rio de Janeiro, Marsiglia e Delray Beach è la presenza in finale di tennisti realativamente giovani, tutti sotto i 25 anni di età.
Nell’ATP di Rio, infatti, i due finalisti, Garin e Mager sono rispettivamente del 1996 e del 1994. A Marsiglia, invece, abbiamo visto il greco Tstitsipas, classe 1998, trionfare sul canadese Auger-Aliassime, classe 2000. A Delray Beach, infine, l’americano Reilly Opelka, di 22 anni, si è trovato a competere contro Nishioka, che di anni ne ha 24.

Certo giungere a conclusioni troppo affrettate sarebbe un atteggiamento imprudente, ma quel ch’è sicuro è questi dati anagrafici sono un segnale positivo per il tennis nel suo sviluppo.
E’ vero, si tratta ancora di ATP 250 e 500, e non di Slam e Master 1000, ma da qualcosa bisognerà pur cominciare. E questo, senza dubbio, è un buon inizio.
Sarà quindi il 2020 l’anno in cui vedremo il primo serio tentativo di svecchiamento del tennis?

4,102FansLike
1,168FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Conte: Manovra per ridare fiducia. Gualtieri: Assegno unico fino a 200...

0
La manovra "ha due obiettivi, sostegno e rilancio dell'economia, abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al paese". Così il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...