Il canadese Jean Vanier accusato di abusi sessuali

328
Jean Vanier

Grande figura cattolica morta l’anno scorso, il canadese Jean Vanier è accusato di abusi sessuali su diverse donne in un’indagine svelata dall’associazione “L’Arche” da lui fondata, i cui funzionari affermano di essere “sconvolti”.

Secondo questa organizzazione, che accoglie le persone con disabilità intellettive in tutto il mondo, questo sondaggio ha permesso di raccogliere testimonianze “relative al periodo 1970-2005” di sei donne adulte.

Laureato in filosofia e teologia, Jean Vanier “ha iniziato” con loro “rapporti sessuali, generalmente nell’ambito di un accompagnamento spirituale, e alcuni dei quali hanno mantenuto ferite profonde”, spiega l’Arche International in un comunicato stampa.

“Queste azioni indicano una presa psicologica e spirituale di Jean Vanier su queste donne e sottolineano la sua adesione ad alcune teorie e pratiche devianti di padre Thomas Philippe”, aggiunge l’Arche.

Morì nel 1993, il domenicano Thomas Philippe, padre spirituale di Jean Vanier e figura voluminosa dell’Arca, fu sospettato di aggressioni sessuali su donne.

Le indagini, condotte da un organismo indipendente, non hanno portato all’identificazione di persone disabili tra le vittime. E l’indagine non specifica i luoghi in cui si sono svolti gli eventi.

Secondo un riassunto pubblicato da L’Arche, “diverse donne dichiararono di essere vulnerabili all’epoca e che Jean Vanier ne era consapevole”.

Vulnerabile “a volte a causa di un difficile passato familiare, o perché erano alla ricerca di una figura paterna, o di ammirazione e riconoscimento, o perché cercavano una direzione spirituale”.

“È Gesù che ti ama” 

“Non siamo noi, sono Maria e Gesù. Sei scelto, sei speciale, è un segreto”, ha detto, secondo le testimonianze. “È Gesù che ti ama attraverso di me.”

“Ero congelato”, ha detto una delle donne. “Mi sono reso conto che Jean Vanier era adorato da centinaia di persone, come un santo vivente, che parlava del suo sostegno alle vittime di abusi sessuali, sembrava un mimetismo”.

Queste rivelazioni, in contrasto con l’umanesimo sostenuto dal fondatore de L’Arche, sbalordirono i responsabili dell’organizzazione.

“Siamo sconvolti e condanniamo senza riserve queste azioni in totale contraddizione con i valori che Jean Vanier ha affermato altrove”, hanno scritto i funzionari di L’Arche International, Stephan Posner e Stacy Cates Carney, in una lettera indirizzata ai membri del organizzazione.

“Vogliamo anche esprimere la nostra gratitudine alle donne che, qualche anno fa, hanno rotto questo silenzio su padre Thomas Philippe, aiutando così gli altri a liberarsi da un ingiusto carico di vergogna e dolore”, hanno hanno aggiunto, chiedendo loro “scusa”.

“Il divario è così vertiginoso tra l’uomo che ho conosciuto e quello che ho scoperto … Faccio fatica ad accettare, anche se conosco fatti indiscutibili”, ha reagito Pierre Jacquand, direttore francese di L’Arche , citato dal settimanale cristiano La Vie.

Jean Vanier era stato gradualmente riconosciuto nella Chiesa cattolica come una grande figura sociale e spirituale. La sua morte a 90 anni, a maggio 2019, aveva reagito a papa Francesco, che aveva incontrato.

La Conferenza episcopale di Francia ha espresso il suo “stupore” e il suo “dolore” prima di queste rivelazioni, assicurando la sua “compassione per le donne che sono state così maltrattate”, nonché la sua “determinazione ad agire in modo che la luce essere fatto “.

La chiesa cattolica è stata scossa per diversi anni da una serie di scandali di abusi sessuali.

“Gli atti commessi da Jean Vanier sono indicibili e insopportabili”, “in totale contraddizione con tutto ciò che ha scritto e detto durante la sua vita”, ha reagito il Corref, che rappresenta gli uomini e le donne religiose di istituti e congregazioni.

L’Arche, con sede internazionale a Parigi, è una federazione di associazioni che gestisce 154 sedi in 38 paesi in cui vivono persone con disabilità intellettive – la specificità di queste comunità – con i loro accompagnatori, dipendenti o volontari.

Il canadese ha anche co-fondato nel 1971 la rete Christian Faith and Light, che sostiene oltre 1.400 “incontri tra comunità” attorno a persone con disabilità in 86 paesi.