fbpx
adv-285
<< EUROPA

Parigi. Pensioni: nelle strade gli avvocati denunciano il “disprezzo” del governo

| 4 Febbraio 2020 | EUROPA
avvocati manifestanti contro la riforma delle pensioni a parigi

“Un dialogo tra persone sorde, di cemento armato”: dopo un mese di sciopero senza precedenti in Francia, migliaia di avvocati hanno manifestato lunedì a Parigi contro la riforma delle pensioni, denunciando il “disprezzo” del governo alla vigilia di un nuovo incontro a Matignon.

Pierre Pamard ha prestato giuramento nel 2003 e, lunedì, è venuto per la prima volta a manifestare in abito nero insieme a molti altri che hanno marciato per le strade di Parigi. “Abbiamo fatto uno sciopero totale ad Avignone per settimane e le cose non sono cambiate”, ha descritto dopo il corteo. “Quale professione accetterebbe di applicare il 15% di tasse in più sul proprio reddito? Non è possibile”.

Gli avvocati rappresentavano la maggior parte di una processione che ha lasciato la Bastiglia e includevano anche infermieri, logopedisti e persino stewarts che manifestavano su chiamata del collettivo SOS Retraites. Dal 6 gennaio, gli avvocati hanno fatto uno sciopero “duro”, aumentando le richieste di rinvio dell’udienza e di azioni più simboliche in tutta la Francia.

adv-263

Compiègne, Saint-Étienne, Limoges, Quimper in un frastuono quasi ininterrotto di fischietti, trombe e trambusto, i manifestanti venivano contrassegnati dai dimostranti, molti dei quali, quelli più violenti portavano un lembo rosso.

Al di sopra della folla, i cartelli proclamavano “La liquidazione di massa fino all’esaurimento della professione”, “Per un diritto alla pensione, non un ritiro del diritto”. Uno scheletro vestito con la toga d’avvocato era fissato in cima ad un palo con la scritta sul suo petto: “Macron mi ha ucciso”.

Questa riforma, “è la morte delle piccole imprese, che assicurano il patrocinio, che rende la difesa penale, che difende i più indigenti”, ha riassunto Sandra Zemmour, avvocato a Parigi.

Il progetto prevede in particolare di raddoppiare i contributi pensionistici (dal 14% al 28%) per gli avvocati che guadagnano meno di 40.000 euro all’anno, mentre le pensioni, attualmente almeno 1.400 euro nette, scenderebbero a 1.000 euro.

“Ho l’impressione che veniamo derisi perché siamo presi per ricchi”, ha detto Maud Roger, 26 anni, avvocato a Dinan. Per lei, la riforma rappresenterebbe un aumento dei contributi corrispondenti a uno stipendio di 2 mesi all’anno. Oppure un “calo del tenore di vita, che non è già molto alto.”

“Sopravvivenza” 

“Non costa poco alla comunità, ma partecipiamo allo schema generale che, d’altra parte, è talvolta in deficit. E nonostante ciò, oggi stiamo arrivando a raderci i capelli sulla schiena!”, Protestò Eric Devaux, avvocato a Bethune (Nord).

Dopo un mese di sciopero, “abbiamo l’impressione di dialogare con persone sorde e di cemento armato. Non si muove, niente. È come se fossimo di fronte a un blocco con la porta chiusa” – ha aggiunto. Nella manifestazione, le parole “rabbia” e “disprezzo” erano su molte labbra.

“Siamo ansiosi di vedere che il governo non ci comprende, non ci supporta e non tiene conto di una delle professioni più antiche e belle del mondo”, ha deplorato Me Pierre-Olivier Sur.

Avvocato di Isabelle Balkany, si unì al corteo lungo il percorso, dopo aver richiesto e ottenuto il licenziamento, a causa dello sciopero, del processo in appello della coppia Levallois-Perret.

Gli avvocati “sono determinati, sono stanchi, infastiditi”, ha riassunto Christiane Feral-Schuhl, presidente del Consiglio nazionale degli avvocati (CNB), un’istituzione rappresentante della professione. “Sono in una situazione di sopravvivenza”.

Un incontro con il Primo Ministro Edouard Philippe, in programma domenica, è stato rinviato a martedì: la professione è in attesa di “proposte”, ha ribadito Feral-Schuhl. Ma “potrebbe avere senso, e nessuno vorrebbe che il governo posasse la penna per pensare”, ha detto.

“Vorremmo che il governo capisse che questa mobilitazione è storica”, ha aggiunto Olivier Cousi, presidente di Parigi. “È in gioco l’accesso alla giustizia. È in gioco l’umanità della giustizia”.

TAG: avvocati, Edouard Philippe, Emmanuel Macron, Francia, Parigi, riforma delle pensioni, sciopero
adv-648
Articoli Correlati