La polizia greca spara gas lacrimogeni contro i rifugiati di Lesbo

402
polizia greca respinge i rifugiati

La polizia greca ha sparato lacrimogeni per disperdere i rifugiati che hanno protestato lunedì contro le condizioni nei campi di immigrazione sull’isola di Lesbo e il lento ritmo di elaborazione delle richieste di asilo.

La violenza è scoppiata vicino al campo di Kara Tepe, ha detto un funzionario della polizia, dopo che centinaia di persone hanno marciato dai campi migratori congestionati dell’isola verso la città di Mitilene. I gruppi di aiuto hanno descritto le condizioni di vita in alcuni dei campi insulari della Grecia come spaventose.

Un testimone ha affermato che i manifestanti erano principalmente donne e bambini. Avevano insegne con la scritta “Libertà“. Alcuni hanno eluso il cordone di polizia e hanno attraversato un pendio per raggiungere Mitilene, dove un gruppo ha cercato di accamparsi con le tende.

Lesbo è stato uno dei principali ingressi in Europa per i migranti che fuggono dalla guerra e dalla povertà in Medio Oriente e oltre. Centinaia di migliaia di persone hanno attraversato la Grecia al culmine della crisi migratoria europea nel 2015 e 2016.

L’anno scorso, oltre 74.000 rifugiati e migranti sono arrivati ​​in Grecia, tra cui 3.500 bambini, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR. La maggior parte arrivò sulle isole di Lesbo, Chio e Samo, attraversando la Turchia.

Il governo conservatore eletto a luglio ha annunciato piani per “decongestionare” le isole, chiudere i campi esistenti e sostituirli con centri di detenzione che processeranno i nuovi arrivati ​​e le persone le cui domande di asilo sono state respinte.

I centri che chiuderanno includono il campo di Moria a Lesbo, che è stato istituito per ospitare 2.850 persone ma che ne ospita almeno cinque volte di più. La scorsa settimana, il governo ha dichiarato di voler installare una barriera galleggiante nel Mar Egeo, al largo di Lesbo, per scoraggiare i migranti che arrivano alle sue coste.