Champions League: Sorridono le italiane, Juve prima, Napoli, Inter e Atalanta in corsa per la qualificazione

134

Due serate di altissimo livello in Champions League, con tanto spettacolo e tantissimi gol.
Segnati ben 54 gol tra Martedi e Mercoledi. Il Napoli e l’Inter hanno il passaggio turno nelle proprie mani, l’Atalanta deve vincere e sperare che il City non perda contro lo Zagabria.

Grande prestazione della squadra di Gasperini che batte 2-0 proprio la Dinamo Zagabria grazie al rigore di Muriel e alla magia di papu Gomez.
Bergamaschi che adesso devono vincere in casa dello Shakhtar Donetsk.

Il City invece non và oltre l’1-1 in casa contro lo Shakhtar.
In gol Gundogan e Solomon.

La Juventus soffre in casa con l’Atletico Madrid ma riesce, grazie alla magia di Dybala a fine primo tempo, da punizione, riesce a battere i Colcioneros.
Bianconeri sicuri adesso del primo posto, gli uomini di Simeone costretti a vincere l’ultima gara in casa contro la Lokomotiv Mosca.

Nel girone della Juventus, il Leverkoosen, vince in Russia grazie al’autogol di Zhamaletdinov e al gol nella ripresa di Bender.

Nel girone B, vincono Tottenham e Bayern Monaco.

La squadra di Mourinho soffre ma porta a casa i tre punti rimontando il doppio svantaggio iniziale.

I Greci vanno in vantaggio con El Arabi e Semedo.

Poi il Tottenham, con i gol di Alli, Aurier e doppietta di Harry Kane ribalta la gara.

Il Bayern Monaco domina in casa della Stella Rossa vincendo 0-6.
Il poker di Lewandowski, e i gol di Tolisso e Goretzka regalano il primo posto matematico del girone ai bavaresi.

Pareggio spettacolare a Madrid tra PSG e Real Madrid, ritmi altissimi, grandissima intensità per tutti i 90 minuti.
Per i blancos doppio vantaggio firmato Karim Benzema, poi il Psg in 3 minuti rimonta la gara con i gol di Mbappe e Sanabria.
Nel finale clamoroso palo da punizione di Gareth Bale.

Nel match per il terzo posto valido per l’Europa League, il Galatasaray va prima in vantaggio con Buyuk ma poi si fa raggiungere al 92° dal gol di Diatta
che nell’esultanza si toglie la maglia, e già ammonito viene espulso. In contemporanea espulso anche Mata, anche lui già ammonito, per aver rotto la bandierina.

Impresa del Napoli che ferma il Liverpool, all’Anfield, sull’1-1.
Grande risposta di carattere degli uomini di Ancelotti che sbloccano il match con Dries Mertens.
Nella ripresa vengono però raggiunti dall’incornata di Lovren per il pareggio finale.

Il Salisburgo abbatte il Genk per 1-4, dominando il match.
Gli austriaci sbloccano il match nel finale di primo tempo con Daka e Minamino.
Nella ripresa Hee Chan Hwang e Haland trovano gli altri due gol per il Salisburgo.
I padroni di casa segnano il gol della bandiera con Samatta.

L’Inter trova la vittoria nei minuti finali in casa dello Slavia grazie a Lautaro e Lukaku.
Lautaro Martinez sblocca il match al 19°, poi Soucek trova il pari dal dischetto.
Nella ripresa, uno scivolone di Frydrych spalanca la strada a Lukaku, uscita avventata di Kolar che viene saltato dal belga che deve solo spingere in rete il pallone.
Nel finale c’è spazio per la doppietta di Lautaro Martinez.

Il Barcellona si prende il primato del girone battendo il Borussia Dortmund per 3-1.
A segno tutto il tridente blaugrana, Suarez, Messi e Griezmann. Al 77° spazio anche per un super gol di Sancho.

Lo Zenit vince in casa contro il Lione per 2-0.
Decisivi i gol di Dzyuba e Ozdoev che permettono ai russi di superare in classifica proprio i francesi.

Il Lipsia rimonta il doppio svantaggio casalingo contro il Benfica regalandosi la qualificazione agli ottavi di Champions League.
Ospiti in gol con Pizzi e Vinicius si vedono rimontare da un super Forsberg che nel 90° segna sul dischetto e al 95° trova il pari con un colpo di testa che non lascia scampo a Vlachodimos.

Nel girone H di Champions League spettacolare 2-2 nell’anticipo delle 18:55 tra Valencia e Chelsea.
Partita spettacolare che trova due gol in un minuto nel primo tempo.
Prima Soler sblocca il match per i padroni di casa, che non hanno nemmeno il tempo di festeggiare che vengono raggiunti dal gol di Kovacic.

Nella ripresa il Chelsea trova il vantaggio con Pulisic ma nel finale un tentativo di cross di Wass si trasforma in un tiro imparabile per Kepa che regala ancora qualche spiraglio di qualificazione agli spagnoli in vista dell’utlima gara del girone.

L’Ajax espugna lo stadio Pierre-Mauroy con i gol di Ziyech e Promes.
Gli uomini di Erik Ten Hag si confermano una squadra con un idea e un intensità di gioco spaventosi e spettacolari.
Con questa vittoria consolidano la possibilità di passare il turno come prima della classe, infatti agli olandesi basterà un pareggio all’ultima giornata di Champions League.

Champions League che tornerà in campo il 9 e 10 Dicembre per l’ultima giornata dei gironi.
Domani in campo l’Europa League, con Lazio e Roma alla ricerca di una qualificazione che a questo punto sarebbe un impresa.