F1: FERRARI SF71H per vincere

La monoposto SF71H con la 'gabbia' punta al GP 2018

644

Si chiama SF71H la nuova monoposto Ferrari del prossimo GP di Formula 1 targato 2018. Una macchina completamente progettata e costruita interamente a Maranello (ITA). La SF71H ha un corpo vettura più stretto ed è stata costruita per essere performante anche nei circuiti ad alta velocità, con un muso del tutto nuovo che si restringe in punta. Proprio lì è visibile uno spazio al momento ancora bianco, appartenente allo sponsor principale, la Philip Morris. La vettura si è presentata con un dettaglio particolare su tutti: una sorta di gabbia inedita davanti all’abitacolo. Sono queste le caratteristiche che saltano agli occhi della nuova monoposto Ferrari svelata a Maranello, alla presenza dei due piloti Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, così come dell’ad e presidente Sergio Marchionne.

Non bisogna dimenticare, poi, lo sviluppo del propulsore V6 turbo della vettura, chiamato quest’anno ad un’affidabilità senza precedenti, vista la regola ancora più stringente sull’uso delle power unit, che dal 2018 consente l’utilizzo di sole tre unità per campionato. Visto che quest’anno verranno disputati 21 GP, ciascun motore dovrà essere utilizzato in media per sette gare. Da Maranello traspare fiducia sulle performance della nuova power unit, anche in termini di durabilità.

Vettel – “Non credo che la gabbia darà fastidio, ritengo che sia molto meno intrusivo di quello che pensavo. Tutti ci abitueremo al suo utilizzo”. Sono le parole di Sebastian Vettel nella conferenza stampa sulla nuova Ferrari, che mostra la gabbia protettiva davanti all’abitacolo, un accorgimento obbligatorio dal prossimo GP.

Arrivabene – “Abbiamo lavorato consapevoli di costruire una Ferrari e questo ci rende orgogliosi e rappresenta un esempio di eccellenza italiana”. Lo ha detto il teamprincipal della scuderia Ferrari Maurizio Arrivabene, presentando la nuova SF71H. “La Ferrari è diversa perché è fatta in Italia, qui a Maranello. E ciò crea il grande feeling. Un pensiero – ha aggiunto – ai ragazzi che hanno contribuito a questa macchina, pezzo per pezzo, dal design all’aerodinamica, fino al lavoro intellettuale. Tutti stanno in piedi – ha detto indicando gli ingegneri e gli uomini in rosso dietro alla vettura – questo è segno di rispetto ma anche di grande consapevolezza”.

Dunque il prossimo GP di Formula 1 promette bene, la Ferrari SF71H si mostra (trasgressiva) ma nello stesso tempo elegante e raffinata nel design. A noi non resta che sentirla rombare in pista e vederla sfrecciare sotto la bandiera a scacchi da protagonista assoluta.