fbpx
adv-807
<< AMBIENTE

Il Giorno del Giudizio nelle mani dei leader mondiali

| 2 Novembre 2021 | AMBIENTE

I leader mondiali hanno alzato il fuoco e hanno fatto ricorso alla retorica della fine del mondo nel tentativo di portare nuova urgenza ai negoziati internazionali sul clima.

Le metafore erano drammatiche e miste all’inizio dei colloqui. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha descritto il riscaldamento globale come “un dispositivo del giorno del giudizio” legato all’umanità. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto ai suoi colleghi che gli esseri umani stanno “scavando le nostre stesse tombe”. 

E il primo ministro delle Barbados Mia Mottley, parlando per le nazioni insulari vulnerabili, ha aggiunto un tuono morale, avvertendo i leader di non “permettere che il sentiero dell’avidità e dell’egoismo semini i semi della nostra comune distruzione”.

Tra i discorsi, il primo ministro indiano Narendra Modi ha affermato che il suo paese dipendente dal carbone mirerà a smettere di aggiungere gas serra nell’atmosfera entro il 2070, due decenni dopo gli Stati Uniti e almeno 10 anni dopo la Cina. Modi ha affermato che l’obiettivo di raggiungere lo “zero netto” entro il 2070 è una delle cinque misure che l’India ha pianificato di intraprendere per rispettare i propri impegni nell’ambito dell’accordo di Parigi sul clima.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno evitato l’impennata della retorica e hanno approfondito la politica.

“Non c’è più tempo per sedersi”, ha detto Biden in un avvertimento più misurato che si è anche scusato per la decisione del suo predecessore di ritirare temporaneamente gli Stati Uniti dallo storico accordo di Parigi del 2015, qualcosa che ha detto ha messo il paese indietro nei suoi sforzi. “Ogni giorno che ritardiamo, il costo dell’inazione aumenta”.

Una delle maggiori preoccupazioni delle Nazioni Unite è che alcuni paesi siano più concentrati su obiettivi amorfi a lungo termine di zero netto invece di cercare tagli in questo decennio che potrebbero prevenire aumenti di temperatura che supererebbero l’obiettivo di Parigi.

Modi ha anche delineato obiettivi a breve termine per il terzo più grande emettitore di carbonio al mondo: aumentare il suo obiettivo per la produzione di energia non fossile, soddisfare metà del suo fabbisogno energetico con fonti rinnovabili, ridurre le emissioni di carbonio di 1 miliardo di tonnellate rispetto agli obiettivi precedenti e ridurre il intensità di carbonio della sua economia del 45%, il tutto entro il 2030.

Mentre il 2070 sembra lontano per l’impegno dell’India, quattro esperti esterni di think tank e università hanno affermato che i nuovi obiettivi a breve e lungo termine dell’India sono significativi, sebbene non enormi, a causa dello stato di sviluppo di quella nazione. 

Ulka Kelkar, che dirige l’analisi della politica climatica indiana per il World Resource Institute, ha affermato che molto dipende dai dettagli, ma l’obiettivo del 2070 sarebbe simile a quello degli Stati Uniti e dell’Europa che adottano obiettivi zero 20 anni fa.

Tuttavia, i funzionari europei hanno espresso in privato disappunto per l’obiettivo tardivo dell’India, ma hanno rifiutato di commentare pubblicamente.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato gli sforzi già annunciati per rendere l’Europa “il primo continente a zero netto” a lungo termine e ridurre le emissioni del 55% in questo decennio. Ha spinto altri paesi ricchi ad aiutare le nazioni più povere tanto quanto l’Europa e ha fissato un prezzo alle emissioni di carbonio perché “la natura non può più pagare quel prezzo”.

Il presidente della Bolivia Luis Arce ha affermato che i discorsi dei paesi sviluppati hanno cercato di dipingerli come leader del cambiamento climatico “ma questo è lontano dalla verità”. Ha detto che le nazioni ricche devono affrontare le proprie responsabilità storiche per aver causato il problema del riscaldamento e non risolverlo imponendo regole ai paesi poveri. La vera soluzione, ha detto, “è un’alternativa al capitalismo” e al “consumismo sfrenato”.

Johnson ha sottolineato che gli oltre 130 leader mondiali riuniti per la parte del vertice dei leader della conferenza avevano un’età media di oltre 60 anni, mentre le generazioni più danneggiate dai cambiamenti climatici non sono ancora nate.

Al di fuori dei negoziati, l’attivista per il clima giovanile Greta Thunberg ha accusato i leader mondiali di “fingere di prendere sul serio il nostro futuro”.

“Il cambiamento non verrà da lì dentro”, ha detto Thunberg, “Non diciamo più bla-bla-bla”.

La conferenza mira a convincere i governi a impegnarsi a ridurre le emissioni di carbonio abbastanza velocemente da mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) al di sopra dei livelli preindustriali. Il mondo si è già riscaldato di 1,1 gradi Celsius (2 gradi Fahrenheit). Le attuali proiezioni basate sui tagli alle emissioni pianificati nel prossimo decennio prevedono che raggiunga i 2,7 °C (4,9 °F) entro il 2100.

L’aumento del riscaldamento nei prossimi decenni scioglierebbe gran parte del ghiaccio del pianeta, innalzerebbe il livello globale del mare e aumenterebbe notevolmente la probabilità e l’intensità di condizioni meteorologiche estreme, affermano gli scienziati. Con ogni decimo di grado di riscaldamento, i pericoli aumentano più velocemente, dicono.

Gli altri obiettivi dell’incontro sono che le nazioni ricche diano alle nazioni povere 100 miliardi di dollari l’anno in aiuti per il clima e raggiungano un accordo per spendere metà del denaro per adattarsi al peggioramento degli impatti climatici.

Ma Mottley, di Barbados, ha avvertito che i negoziatori non sono all’altezza.

“Questo è immorale ed è ingiusto”, ha detto Mottley. “Siamo così accecati e induriti da non poter più apprezzare le grida dell’umanità?”

“Stiamo già ansimando per la sopravvivenza”, è intervenuto il presidente Wavel John Charles Ramkalawan delle Seychelles, un’altra nazione insulare. “Domani non è un’opzione perché sarà troppo tardi”.

Guterres ha toccato una nota altrettanto cupa.

“Stiamo scavando le nostre tombe”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite. “Il nostro pianeta sta cambiando sotto i nostri occhi: dalle profondità oceaniche alle cime delle montagne, dallo scioglimento dei ghiacciai agli implacabili eventi meteorologici estremi”.

I discorsi continueranno fino a martedì, poi i leader se ne andranno.

L’idea è che faranno il grande dare e avere politico, stabilendo grandi linee di accordo, e poi chiedere ad altri funzionari del governo di elaborare i dettagli. Questo è ciò che ha funzionato per rendere lo storico accordo sul clima di Parigi del 2015 un successo, ha dichiarato l’ex segretaria delle Nazioni Unite per il clima Christiana Figueres.

“Per i capi di stato, in realtà è un uso molto migliore del loro pensiero strategico”, ha affermato Figueres.

Migliaia di persone si sono messe in fila con un vento gelido a Glasgow per superare un collo di bottiglia all’ingresso della sede. Ma ciò che si noterà è una manciata di assenze importanti.

Xi Jinping, presidente della Cina, la nazione più inquinante del carbonio, non è a Glasgow. Figueres ha affermato che la sua assenza non è così significativa perché non lascerà il paese durante la pandemia e il suo inviato per il clima è un negoziatore veterano.

Biden ha rimproverato Cina e Russia per i loro sforzi poco ambiziosi per ridurre le emissioni e li ha incolpati per una deludente dichiarazione sui cambiamenti climatici alla fine della riunione dei leader del Gruppo delle 20 principali economie a Roma questo fine settimana.

Forse più problematico per il vertice delle Nazioni Unite è l’assenza di diverse piccole nazioni delle isole del Pacifico che non hanno potuto farcela a causa delle restrizioni e della logistica del COVID-19. Questo è un grosso problema perché le loro voci trasmettono l’urgenza, ha detto Figueres.

Inoltre, i capi di diverse importanti economie emergenti oltre la Cina stanno saltando anche la Scozia, compresi quelli di Russia, Turchia, Messico, Brasile e Sud Africa. Ciò lascia Modi l’unico leader presente delle cosiddette nazioni BRICS, che rappresentano oltre il 40% delle emissioni globali.

TAG: Antonio Guterres, Boris Johnson, clima, Glasgow, Joe biden, leader
adv-353
Articoli Correlati