adv-602
<< ESTERI

Come affronterà le proteste della Tunisia il presidente Saied?

| 20 Settembre 2021 | ESTERI

Diverse centinaia di manifestanti si sono radunati a Tunisi per protestare contro la presa dei poteri di governo da parte del presidente tunisino Kais Saied a luglio, che ha innescato una crisi costituzionale e ha suscitato accuse di colpo di stato.

I manifestanti si sono radunati sabato nel centro della capitale scandendo “chiudete il golpe” e “vogliamo un ritorno alla legittimità”, mentre alcune decine di sostenitori di Saied hanno tenuto una contromanifestazione scandendo “il popolo vuole sciogliere il parlamento”.

La protesta, accompagnata da una forte presenza della polizia, è stata la prima da quando Saied ha dichiarato il 25 luglio di licenziare il primo ministro, sospendere il parlamento e assumere l’autorità esecutiva.

adv-418

Le mosse di Saied sono state ampiamente apprezzate in un Paese che soffre di anni di stagnazione economica e paralisi politica, ma hanno sollevato timori per i nuovi diritti e il sistema democratico conquistati nella rivoluzione del 2011 che ha scatenato la “Primavera araba”.

Anche se il più grande partito in parlamento, Ennahdha, inizialmente ha criticato la sua mossa come un colpo di stato, si è rapidamente ritirato e il periodo successivo all’intervento di Saied è stato calmo. Tuttavia, otto settimane dopo, Saied deve ancora nominare un primo ministro o dichiarare le sue intenzioni a lungo termine.

Intanto, revocata l’immunità, alcuni parlamentari sono stati arrestati, mentre a numerosi tunisini è stato impedito di lasciare il Paese.

Saied ha respinto le accuse di golpe ei suoi sostenitori hanno presentato le sue mosse come un’opportunità per ripristinare le conquiste della rivoluzione tunisina ed epurare un’élite corrotta.

“Sono qui solo per proteggere le persone corrotte e gli islamisti”, ha detto Mohamed Slim, in piedi con suo figlio nella contro-protesta.

La crisi politica e costituzionale della Tunisia è iniziata nel luglio di quest’anno, quando il presidente Kais Saied ha licenziato il primo ministro, ha sospeso il parlamento e ha assunto il potere esecutivo.

Saied ha insistito sul fatto che le sue azioni non costituiscono un colpo di stato e ha affermato che le misure dureranno solo 30 giorni.

A distanza di due mesi, non ha ancora nominato un nuovo primo ministro né ha rivelato piani di riforma. Anche Saied ha esteso i suoi poteri fino a nuovo avviso.

Sabato, i manifestanti arrabbiati con il presidente hanno affrontato i sostenitori che hanno insistito sul fatto che Saied stava eseguendo la volontà del popolo.

Allora, qual è il prossimo passo per la Tunisia?

TAG: elezioni, Kais Saied, proteste, Tunisia
adv-108
Articoli Correlati