adv-270
<< EUROPA

I paesi UE lamentano la carenza di punti di ricarica per veicoli elettrici

| 10 Settembre 2021 | EUROPA

Secondo i nuovi dati dell’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA), sono diversi i paesi dell’UE che non forniscono nemmeno un caricabatterie ogni 100 chilometri di strade principali, comprese autostrade, strade statali, provinciali e comunali.

“I consumatori non saranno in grado di passare ai veicoli a emissioni zero se non ci sono abbastanza stazioni di ricarica e rifornimento lungo le strade in cui guidano”, ha affermato giovedì il direttore generale di ACEA, Eric-Mark Huitema.

Solo quattro paesi dell’UE – Paesi Bassi, Lussemburgo, Germania e Portogallo – hanno più di dieci punti di ricarica per 100 km di strada. Il Belgio è al sesto posto, con 5,5 punti di ricarica per 100 km di strada.

Nel frattempo, i cittadini di Grecia, Lituania, Polonia e Romania devono ancora percorrere più di 200 km per trovare un punto di ricarica.

“I progressi compiuti in alcuni paesi dell’Europa occidentale sono incoraggianti, ma non dovrebbero distrarci dallo stato disastroso della rete di ricarica in altri paesi dell’UE”, ha aggiunto.

A luglio, la Commissione europea ha pubblicato il pacchetto sul clima Fit for 55, inclusa la proposta di un regolamento sulle infrastrutture per i combustibili alternativi che afferma che entro il 2030 le emissioni di CO2 delle nuove auto dovrebbero diminuire del 55% rispetto ai livelli del 2021.

Questo è in aumento rispetto all’obiettivo del 37,5% per il 2030 fissato solo tre anni fa e significa che le case automobilistiche europee dovranno produrre e portare sul mercato milioni di auto elettriche ricaricabili nei prossimi anni per raggiungere questo nuovo obiettivo.

“Anche se apprezziamo l’introduzione di obiettivi vincolanti tanto necessari per le stazioni di ricarica e rifornimento in ciascuno stato membro, dovranno essere rafforzati in modo significativo se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi climatici”, ha affermato Huitema, aggiungendo che “non possiamo aspettarci che le persone in Polonia e Romania siano disposte ad acquistare un’auto elettrica”, se devono viaggiare così lontano per ricaricarle.

Ha sottolineato che anche in tutta l’UE dovranno essere compiuti enormi progressi nello sviluppo delle infrastrutture in un “periodo di tempo molto breve” e che il Parlamento europeo e il Consiglio dovranno creare le condizioni giuste per la mobilità elettrica durante i prossimi negoziati su Fit per 55.

In Belgio, i governi regionali stanno riconoscendo la necessità di migliorare le infrastrutture di ricarica se si vuole sostenere il passaggio a veicoli a basse emissioni.

Nelle Fiandre, un progetto da 30 milioni di euro che prevede un bando per infrastrutture di ricarica semipubbliche ha ricevuto 220 proposte progettuali, per un totale di circa 9.000 punti di ricarica equivalenti, compresi nei parcheggi di ristoranti, bar, supermercati, ma anche distributori di benzina.

“Vogliamo offrire la certezza ai conducenti di auto elettriche che potranno sempre ricaricare nelle vicinanze”, ha affermato il ministro fiammingo della mobilità e dei lavori pubblici Lydia Peeters.

L’installazione di una stazione di ricarica comporterà una riduzione delle tasse del 45% e il progetto può beneficiare di sussidi fino a 300.000 euro, se l’infrastruttura di ricarica è alimentata con elettricità verde ed è accessibile al pubblico per almeno dieci ore al giorno.

Alle aziende viene anche dato un incentivo in più per installare punti di ricarica, di cui sono finora più di 5.000 nella regione, in quanto riceveranno una detrazione fiscale del 200%.

Nel frattempo, Peeters ha lanciato un appello agli operatori delle stazioni di ricarica per registrarsi al bando per il progetto di caricabatterie ultraveloci lungo autostrade e strade regionali, un progetto che riceverà 10 milioni di euro.

“Dobbiamo ridurre le nostre emissioni di CO2. I veicoli elettrici danno un contributo importante a questo e per stimolarlo dobbiamo fornire un’infrastruttura di ricarica sufficiente”, ha affermato Peeters, aggiungendo che il tasso di risposta alla chiamata mostra un “spostamento mentale verso una guida elettrica sostenibile”.

TAG: Auto elettriche, UE
adv-928
Articoli Correlati