adv-291
<< CULTURA

Cerreto Laziale, terra di musica e poesia

Il 12 settembre premiazione della 57esima rassegna dialettale
| 7 Settembre 2021 | CULTURA

Poche case adagiate su colline assolate e valli profonde fanno da cornice all’abitato di Cerreto Laziale, comune della provincia di Roma di circa mille anime.

Terra della musica, così come recita un cartello all’ingresso del paese ma anche di arte e poesia. Dal lontano 1964, infatti, poeti locali del paesino della Valle del Giovenzano si sfidano a colpi di rima con l’obiettivo, non certo secondario, di contrastare armati di penna il livellamento e l’omologazione linguistica contemporanea, mantenendo vivo e tramandando alle future generazioni il dialetto cerretano.

Si tratta, se non proprio della più antica, quantomeno di una delle più longeve rassegne di poesia dialettale in epoca moderna. Un concorso che si inserisce ogni anno nei festeggiamenti in onore di Maria Santissima Madre delle Grazie. Un appuntamento, quello della premiazione che avverrà domenica 12 settembre, che risentirà anche quest’anno dei rigidi protocolli anti-covid: niente calorose strette di mano per complimentarsi tra i partecipanti e i componenti della giuria; di sicuro però, come avvenuto negli scorsi anni, la lettura delle poesie sul palco allestito nella piazza centrale catalizzerà l’attenzione di tutti i cittadini.

adv-531

Quasi un popolo intero che si ferma e trattiene il fiato, per ascoltare in religioso silenzio la musicalità dei versi in vernacolo che scorrono e che delineano i caratteri di una società spesso perduta.

Nei componimenti aleggiano ironia e sagacia ma anche spunti di riflessione e alveolo di ricordi: un caleidoscopio di sentimenti che solo la poesia sa delineare e che restituisce al poeta la funzione umanizzante tanto cara a Pier Paolo Pasolini.

TAG: Pasolini, poesia
adv-716
Articoli Correlati