fbpx
adv-41
<< ATTUALITÀ

Dior torna alle sfilate dal vivo con uno spettacolo strutturato

| 6 Luglio 2021 | ATTUALITÀ

Dior si è avventurata di nuovo nel mondo reale lunedì dopo più di un anno di assenza, con una sfilata di persona per la sua collezione Haute Couture autunno-inverno 2021-22 a Parigi.

La maggior parte delle case di moda ha scelto di continuare con spettacoli e presentazioni digitali mentre la stagione couture iniziava, ma Dior ha ospitato due spettacoli dal vivo.

In un certo senso, sembrava un’epoca precedente, prima che qualcuno avesse mai usato il termine “distanziamento sociale” o indossato una maschera chirurgica con i tacchi Louboutin.

Le sfilate si sono svolte nel luogo preferito di Dior, una struttura temporanea nel giardino del Musée Rodin. I fotografi di strada si spingevano l’un l’altro fuori dal cancello principale, mentre i fotografi invitati si ammassavano alla chiamata fotografica all’interno. Gli ospiti si salutavano con baci d’aria. Diversi accenti stranieri sono stati la prova di un ritorno ai viaggi all’estero. C’erano le star: Jessica Chastain, Monica Bellucci, Cara Delevingne.

Ma c’erano differenze. Gli ospiti indossavano maschere e si faceva misurare la temperatura alla porta. I posti sulle panche erano più distanziati del solito, anche se questo è stato rapidamente ignorato, specialmente in prima fila.

La direttrice creativa di Dior, Maria Grazia Chiuri, lavora spesso con artiste donne e per questa collezione ha incaricato l’artista francese Eva Jospin di disegnare ricami a grandezza naturale con fili di seta per coprire tutti i 350 metri quadrati (iarde) delle pareti del locale. Un cenno alla Sala dei Ricami di Palazzo Colonna a Roma, hanno rappresentato diversi mesi di lavoro manuale delle donne presso la Chanakya School of Craft di Mumbai.

Le pareti erano un riflesso della collezione. Questo era un abbigliamento tattile e strutturato che richiedeva vicinanza e presenza. Lo spettacolo si è aperto con una gamma di quadri in bianco e nero e tweed con stivali abbinati: alcuni look ricamati con piume per un effetto tweed.

Le versioni modernizzate dell’iconica giacca Bar della maison sono state abbinate a gonne a portafoglio pieghettate e pantaloni sartoriali. I capispalla sono stati un tema importante, come un cappotto di cashmere con ricami patchwork. Per la sera, le modelle indossavano abiti lunghi eterei di seta plissettata in tenui sfumature di senape, gesso o grigio Dior.

Dopo più di un anno di spettacoli virtuali trasmessi in streaming online, è sorta la domanda se le sfilate di moda dal vivo siano addirittura necessarie. Lunedì, Dior ha usato l’artigianato e la materialità per fare un eloquente argomento a loro favore.

TAG: conferenza di pace di Parigi, Dior, moda, sfilate
adv-155
Articoli Correlati