adv-599
<< POLITICA

Ravetto, Zanella e Carrara mollano Forza Italia per la Lega. Scontro Berlusconi-Salvini

| 20 Novembre 2020 | POLITICA

Tre deputati di Forza Italia alla Camera passano al gruppo parlamentare della Lega. Si tratta di Laura Ravetto, ex sottosegretario del governo Berlusconi, Federica Zanella e Maurizio Carrara. In una nota i tre hanno scritto: “Abbiamo deciso di impegnarci in politica, in tempi e modi diversi, convinti che i valori e i programmi del centrodestra siano la risposta giusta per il Paese. Ringraziamo Silvio Berlusconi per averci dato la possibilità di tradurre le nostre competenze e il nostro ‘sentire’ in azioni politiche concrete. In qualità di eletti su collegi uninominali con i voti di tutto il centrodestra tuttavia viviamo con disagio le sempre più ampie aperture al Governo e gli ammiccamenti con il Partito Democratico”.

Nella nota, i tre ormai ex forzisti aggiungono: “Prendiamo atto che Forza Italia ha altresì perso quella forza propulsiva che l’aveva portata ad essere luogo di aggregazione per tutto il centrodestra e riteniamo che quel luogo di aggregazione sia oggi rappresentato dalla Lega di Matteo Salvini che crediamo possa essere il miglior interprete di quella rivoluzione liberale i cui valori sono più che mai attuali e necessari, nonché il Partito con cui meglio portare avanti con coerenza quel programma unitario su cui abbiamo ‘messo la faccia’ in campagna elettorale, e che non vogliamo tradire. Per tutti questi motivi aderiamo convintamente al gruppo della Lega certi che, in tale gruppo, ci verrà data la possibilità di continuare a portare avanti al meglio le battaglie politiche in cui abbiamo sempre creduto e che ci hanno caratterizzati in aula e sui territori.”

All’ultimo vertice di centrodestra, quello a Montecitorio sulla manovra, con Silvio Berlusconi collegato via zoom da Arcore, Matteo Salvini era stato zitto. Mentre Giorgia Meloni aveva chiesto al Cav di precisare il senso delle sue dichiarazioni sulla necessità di un’opposizione responsabile al governo Conte. ‘Silvio, mi spieghi cosa intendi quando parli di collaborazione di tipo istituzionale?’, sarebbe stata in sostanza la domanda posta dalla presidente di Fdi.

adv-871

E Berlusconi, raccontano, aveva spiegato che Fi è e resta all’opposizione, il suo perimetro è quello del centrodestra e quando dava la disponibilità al confronto con la maggioranza era solo nell’interesse del Paese, non certo del Conte bis. Un concetto appena ribadito e sviscerato al ‘Maurizio Costanzo Show’, che andrà in onda stasera, avrebbe assicurato durante il summit Berlusconi.

Da allora, più volte il Cav ha ribadito la sua ‘strategia responsabile’, ma alla Lega, che teme inciuci, non è andato proprio giù questo atteggiamento, tant’è che oggi si è arrivati a sfiorare un nuovo scontro tra alleati. Con Salvini che ha ‘strappato’ tre deputati a Forza Italia, dopo aver presentato la pregiudiziale di costituzionalità al dl con la cosiddetta norma antiscalata Mediaset e stigmatizzato il caso Tallini scoppiato in Calabria.

Un’offensiva in tre mosse che fatto gridare alla ”ritorsione” gli azzurri per poi arrivare al chiarimento in serata, attraverso i due leader. Il primo a intervenire, con una lunga nota, per stoppare polemiche e ”strumentalizzazioni”, anche su ”presunti scambi di favore” tra Fi e Conte sul caso Mediaset-Vivendi, è Berlusconi.

TAG: Forza Italia, Lega, parlamentari, Salvini, Silvio Berlusconi
adv-438
Articoli Correlati