martedì, Ottobre 20, 2020
Home ATTUALITÀ Pascarella (PascaProfit): "Ecco quali settori economici beneficeranno della vittoria di Trump"

Pascarella (PascaProfit): “Ecco quali settori economici beneficeranno della vittoria di Trump”

-

Dopo l’analisi sui settori che risulterebbero avvantaggiati da una vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali americane di novembre, Giuseppe Pascarella ha preso in esame anche gli eventuali effetti positivi di una rielezione di Trump.

L’esperto – ritenuto uno dei più autorevoli conoscitori della borsa americana in Europa, a capo del team di analisi del gruppo PascaProfit e autore del bestseller “Battere il benchmark”, col quale promuove in Italia i principi per un investimento azionario di successo – ha studiato in dettaglio anche il programma del presidente in carica.

Il quale, nonostante i 10 punti di svantaggio rispetto al candidato democratico, potrebbe avere ancora degli assi nella manica con cui ribaltare la situazione.

Non sono assolutamente a favore di Trump, ma non è facile trovare settori particolarmente svantaggiati nel suo programma: le sue idee sembrano più che altro un elenco di buone intenzioni che accontenta tutti”, spiega Pascarella.

L’esperto aggiunge che i punti più importanti tra quelli proposti riguardano “la creazione di 10 milioni di posti di lavoro, lo sviluppo di un vaccino entro il 2020 e il ritorno ad una normalità socioeconomica già dal prossimo anno”.

Per riuscirci, dice Pascarella, “Trump punterà molto su un nuovo taglio delle tasse, sulla costruzione del più grande sistema infrastrutturale del mondo e il rientro in patria delle truppe disseminate in vari teatri di guerra in giro per il mondo”.

Grande attenzione sarà riservata anche alle relazioni commerciali con la Cina.

Il fondatore di PascaProfit sostiene che questa problematica rappresenti il punto focale della campagna di Trump, e ricorda come “all’interno del programma ci sono misure che mirano proprio a riportare potere agli Usa e che, probabilmente, genereranno un’escalation di tensioni con la Cina stessa”.

Nello specifico, prosegue Giuseppe Pascarella, “sono molto significative alcune misure che Trump promette di adottare, come i crediti d’imposta per le aziende che riportano lavoro dalla Cina e nessun contratto federale per le aziende che esternalizzano nel Paese rivale.

E la percezione generale delle imprese su un’ipotetica rielezione di Donald Trump?

La candidatura del presidente in carica è stata ampiamente vista come favorevole dalle imprese (anche di piccole e medie dimensioni), grazie all’ulteriore taglio delle tasse e ad una spinta per la deregolamentazione nel settore energetico, – racconta Pascarella – mentre rappresenta al tempo stesso un vento contrario per le multinazionali che traggono maggior profitto dalla Cina e dall’offshoring”.

C’è però un aspetto che accomuna i due candidati: l’approccio al settore farmaceutico.

Tutto il settore Healthcare e assicurativo sarebbe preso di mira, poiché sia Trump che Biden combattono una battaglia contro l’aumento dei prezzi dei farmaci e quello delle assicurazioni abolendo l’Obamacare. Un’operazione – conclude Pascarella – che a Trump non è riuscita durante il suo primo mandato e in caso di rielezione metterà tra i primissimi punti”.

4,102FansLike
1,168FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Conte: Manovra per ridare fiducia. Gualtieri: Assegno unico fino a 200...

0
La manovra "ha due obiettivi, sostegno e rilancio dell'economia, abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al paese". Così il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...