adv-158
<< AMBIENTE

L’accordo tra pubblico e privato fa rinascere l’oasi di Giannutri

| 24 Agosto 2020 | AMBIENTE

L’accordo tra pubblico e privato fa rinascere l’oasi di Giannutri. Negli ultimi anni l’isola dell’arcipelago toscano era progressivamente andata in declino anche a  causa degli scontri con il Comune, il Parco Naturale in cui è immersa Giannutri, e più o meno ogni autorità pubblica interessata.

Ora l’Amministrazione privata ha una nuova gestione che ha avviato una serie di collaborazioni positive con il pubblico che stanno rilanciando l’isola. Un esempio è il miglioramento delle politiche ambientali: “Come concordato lo scorso anno in una riunione a Siena presso gli uffici di Sei Toscana con il Sindaco Ortelli, è stato ufficializzato dal nostro Sindaco che a Giannutri viene effettuata la differenziata – ha annunciato la presidentessa del Consorzio Amarilli Franzutti ai giannutrini – PVA (plastica + vetro + alluminio) Carta e Cartone, Indifferenziata che contiene anche l’umido. Sono iniziati i prelievi settimanali effettuati con la M/n Dianium e lo sbarco di compattatori per il trasporto. Sono stati aggiunti in Piazzetta e a Cala Maestra i contenitori per Pile esauste e farmaci scaduti. Gli ingombranti e i RAEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche) saranno prelevati dalla Ditta Guazzarotto su richiesta e a carico del singolo Consorziato”.

L’ambiente è un tema quanto mai centrale per un’isola che si trova nel parco marino più grande d’Europa, per questo motivo i privati che hanno casa a Giannutri stanno cercando una collaborazione proattiva anche nei confronti del Parco dell’Arcipelago Toscano che in questi mesi sta lavorando a un nuovo piano per Giannutri: dalla gestione delle boe con un sistema che tuteli l’ambiente e allo stesso tempo la comunità giannutrina e i visitatori temporanei.

adv-874

Le nuove linee guida potrebbero dunque sancire una fase completamente nuova per Giannutri e chi vuole viverla nel rispetto della natura. Anche il Comune del Giglio, l’acquedotto del Fiora e l’Autorità Idrica Toscana per la Rete Idrica hanno dato un contributo alla rinascita dell’isola: a breve infatti partirà un maxi piano per ricostruire tutta la rete idrica giannutrina, con le spese divise tra pubblico e privato. Un passo avanti ulteriore verso un’isola in cui persone e natura possano convivere senza conseguenze negative.

Mentre proseguono i lavori di ampio respiro l’accordo tra pubblico e privato fa rinascere l’isola di Giannutri grazie a servizi essenziali in ogni parte d’Italia ma che erano sempre mancati all’isola: il Parco ha organizzato la presenza costante dei Carabinieri Forestali, affittando un’unità immobiliare, e ha fornito i nuovi cartelli che sono stati affissi; ha aperto i servizi igienici pubblici e ha dato il via al progetto di riqualificazione della zona ex Cantiere che sarà trasformata in una zona di servizi (Uffici e Foresterie) per il Parco, il Comune e la Protezione Civile. Insomma tanti piccoli e grandi passi che stanno contribuendo a rilanciare una delle perle del patrimonio naturalistico e ambientale italiano.

Isola che rispetto ad altre altrettanto famose, come Ischia, ha prezzi più abbordabili per chi vuole affittare una stanza o una villetta. E offre una vera esperienza di contatto con la natura grazie alla sua ricchissima fauna ittica e ad alcuni paesaggi in grado di mozzare il fiato ai più cinici.

TAG: ambiente, giannutri, giannutriisola, Italia, parco arcipelago toscano
adv-248
Articoli Correlati