sabato, Settembre 19, 2020
Home ATTUALITÀ TECNOLOGIA MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

-

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello e Paolo Benzi MakeIdentity è il primo ecosistema digitale dedicato alla privacy, progettato per incrementare il business di aziende e mondo retail, rivoluzionando il modo con il quale si raccolgono, trattano, conservano ed utilizzano i dati personali degli utenti. Con MakeIdentity è infatti possibile gestire informative privacy, raccogliere dati personali e relativi consensi in modo semplice e veloce, azzerando l’uso della carta e rendendo il tutto digital first. La piattaforma – che si compone di un’app mobile per tablet/smartphone e di un sito internet dedicato – è stata sviluppata secondo logiche di legal design, ovvero unendo diritto, design e tecnologia. L’obiettivo è di ottenere la massima conversione per il business. I dati personali diventano un asset monetizzabile e misurabile, nel rispetto delle normative.
Le sue caratteristiche sono:
• facilità di utilizzo: esperienza d’uso innovativa e semplificata e non sono richieste
competenze tecniche;
• aumento della conversione per consensi marketing, profilazione e newsletter: grazie all’approccio di legal design, MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e possibilità di utilizzo dei dati personali degli ospiti (ad es. nome, cognome, mail, numero di telefono, preferenze, ecc.);
• conformità al GDPR UE 679/2016: vengono utilizzati database dedicati, con il fine
di garantire la totale riservatezza dei dati personali;
• massima personalizzazione: è possibile personalizzare l’interfaccia grafica dell’app
(logo e colori aziendali) ed è possibile impostare sino a 6 lingue simultanee.

L’Avv. Marco Giacomello è un avvocato atipico: ama creare progetti facendo
convivere giuristi e grafici, comunicatori e informatici. Aiuta a creare innovazione
facendo parlare diritto e tecnologie, applicando i principi del Legal Design.

Marco, tu sei l’ideatore del progetto MakeIdentity: che cosa ti aspetti da
questo innovativo servizio che fornite ad hotel, ristoranti, aziende e professionisti?
L’obiettivo è garantire la migliore esperienza possibile agli utenti. Anche nella
gestione privacy. MakeIdentity si è rivelata uno strumento essenziale ed efficace nel
tutelare le realtà aziendali e retail in questo periodo di drammatica emergenza.
Abbiamo infatti aggiornato il nostro applicativo in modo da permettere alle aziende
e ai professionisti di ottenere, archiviare e gestire le autodichiarazioni di stato di
buona salute previste dal Protocollo anti Covid-19, oltre alle relative informative privacy. La velocità, la sicurezza e la semplicità di questo strumento si sono
dimostrate determinanti nel creare strutture aziendali sicure, efficienti e Privacy Compliant, cioè in pieno rispetto del Regolamento Europeo 679/2016 in materia di
trattamento dei dati personali (GDPR).
Qual è lo spunto che ti ha portato a lanciare questo progetto?
Il vero oro nero oggi, sono i dati, un patrimonio indispensabile per ogni azienda, un
valore da gestire in maniera efficiente. Un asset da proteggere e da gestire secondo
le normative europee GDPR. Con MakeIdentity abbiamo rivoluzionato l’esperienza di
raccolta dei dati personali, rendendola innovativa, divertente e semplice.
Come si può fare innovazione nel campo della privacy?
Per innovare nel campo della privacy, serve oggi un approccio human centric, serve
empatia tra azienda e consumatori. Serve semplificare il linguaggio giuridico e ri-
progettare i documenti legali. Grazie all’approccio di Legal Design, abbiamo unito
diritto e design, con il supporto fondamentale della tecnologia e di tecniche di
comunicazione sociologiche. Con il progetto MakeIdentity, abbiamo graficato e
creato empatia su ogni touchpoint, ogni punto di contatto tra cliente e l’azienda,
avvicinando così i documenti legali al flusso naturale del pensiero umano.

Paolo Benzi è il CDO del progetto MakeIdentity: si occupa di progettare soluzioni
digitali strategiche per il business dei clienti.
A te, Paolo, pongo una domanda leggermente diversa: quale ti sembra l’obiettivo
più importante per MakeIdentity?
L’obiettivo del progetto MakeIdentity è quello di portare l’innovazione nel mondo del
diritto, generando nuove fonti di revenue, ed impattando positivamente nella
fidelizzazione dei clienti. MakeIdentity è un modo chiaro e leggibile di ripensare, ideare e strutturare i contenuti legali rivolti agli utenti finali. Abbiamo unito il vincolante processo legale, al libero pensiero dei designer ed al digitale. MakeIdentity è un chiaro esempio di fusione tra legale e tecnologia, in linea con le attuali logiche Legal Tech, che sempre più il mercato richiede. Offrire una esperienza per l’utente diversa da quella proposta da MakeIdendity vuol dire non aver percepito il vero valore che rappresenta la profilazione del cliente, ovviamente nel pieno rispetto delle normative.

MakeIdentity. Qualche dettaglio in più
Facilità di utilizzo per l’utente. Esperienza d’uso innovativa e semplificata. Nessuna
competenza tecnica richiesta all’azienda o all’utente. Personalizzazione layout. Personalizzazione dell’interfaccia grafica con possibilità di definire logo e colori aziendali.
Informative Mutilingua. Sono previste fino a 6 lingue simultanee per garantire la
migliore esperienza ai tuoi visitatori. Informative personalizzate. Integrazione della propria informativa in modo facile e intuitivo. Conformità al regolamento GDPR. Utilizzo di Database dedicati per garantire la riservatezza dei dati personali degli utenti. Firma digitale integrata. Possibilità di monitorare costantemente i risultati ed archiviarli in maniera sicura.


close







close






4,104FansLike
1,167FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

L’Artista Roberto Mendicino presente alla VII edizione di “Geni Comuni”

0
Ritorna come ogni anno nel mese di settembre “GENI COMUNI – pittura, scultura, fotografia, videoarte”. Questa settima edizione si rinnova e cambia format. La...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...