sabato, Agosto 15, 2020
Home EUROPA Via all'aperta dell'Europa, ma a Pechino resta alta la vigilanza per pandemia

Via all’aperta dell’Europa, ma a Pechino resta alta la vigilanza per pandemia

-

I paesi europei hanno riaperto le frontiere dopo un arresto di tre mesi sul coronavirus, anche se i visitatori internazionali sono ancora tenuti lontani e non vi è certezza sul fatto che molti europei accetteranno rapidamente viaggi al di fuori dei loro paesi di origine.

La riapertura è continuata in Messico e in Brasile nonostante i casi di scalata nelle due maggiori nazioni dell’America Latina, dove le autorità hanno lottato per gestire l’effetto della pandemia sui sistemi medici già deboli.

La necessità di una costante vigilanza è diventata molto chiara quando la Cina, dove il COVID-19 è emerso per la prima volta alla fine dell’anno scorso, si è precipitata per contenere uno scoppio nella capitale di Pechino.

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che oltre 100.000 casi confermati di coronavirus sono stati segnalati a livello globale ogni giorno nelle ultime due settimane e che i paesi che hanno frenato le trasmissioni “devono stare attenti alla possibilità di un’altra ondata”.

Tedros Adhanom Ghebreyesus ha notato che ci sono voluti più di due mesi per raggiungere 100.000 casi segnalati, ora una norma quotidiana. Ogni giorno, quasi i tre quarti dei nuovi casi provengono da 10 paesi, principalmente in Asia meridionale e nelle Americhe.

Germania e Francia hanno lasciato cadere i controlli alle frontiere quasi due settimane dopo che l’Italia ha aperto le sue frontiere. La Grecia ha accolto i visitatori con passeggeri su voli da altri paesi europei che non sono stati sottoposti a test di coronavirus obbligatori.

Le 27 nazioni dell’Unione Europea e gli altri stati europei non dovrebbero riaprire ai visitatori al di fuori del continente fino almeno all’inizio di luglio e forse più tardi.

La Spagna ha permesso a migliaia di tedeschi di volare verso le Isole Baleari senza una quarantena di 14 giorni in un programma pilota progettato per aiutare le autorità a valutare ciò che è necessario contro possibili riacutizzazioni di virus.

Martin Hofman è stato felice di salire a bordo di un volo da Dusseldorf per l’isola di Maiorca perché ha affermato che la sua vacanza non può essere rinviata.

“Restare in Germania non è stata un’opzione per noi”, ha affermato Hofman. “Siamo totalmente felici di poter uscire.”

La Slovenia ha revocato le restrizioni di viaggio con l’Italia e i sindaci di due città ai lati opposti del confine hanno rimosso congiuntamente un segnale stradale che ha impedito il movimento l’una dall’altra. Le città di Nova Gorica in Slovenia e Gorizia in Italia sono strettamente collegate a livello culturale ed economico.

I residenti di Città del Messico erano liberi di guidare senza restrizioni e le stazioni della metropolitana e degli autobus che erano state chiuse hanno ripreso servizio lunedì mentre la città di 9 milioni ha continuato il suo ritorno graduale.

La riapertura laureata di Città del Messico si basa sui livelli di occupazione degli ospedali. A partire da sabato, la capitale e lo stato circostante hanno occupato il 74% dei loro letti d’ospedale.

Le costruzioni, l’industria automobilistica, l’estrazione mineraria, le vendite di biciclette e la produzione di birra erano già state autorizzate a riprendere. I parchi sono stati autorizzati ad aprire al 30% della loro capacità.

Il presidente Andrés Manuel López Obrador ha incoraggiato i messicani a uscire di casa e far ripartire l’economia.

“La salute è la cosa più importante, ma allo stesso tempo l’economia, il benessere, il ritorno alla convivenza, l’armonia e la libertà”, ha detto López Obrador all’inizio del suo secondo viaggio di una settimana, questa volta dallo stato della costa del Golfo di Veracruz. “Non possiamo lasciare che la paura ci travolga.”

A Pechino, dove un focolaio è stato rintracciato in un mercato che rifornisce gran parte della carne e delle verdure nella città, migliaia hanno fatto la fila per i test. Le autorità hanno confermato 79 casi in quattro giorni in quello che sembra essere il più grande focolaio da quando la Cina ha in gran parte fermato la sua diffusione a casa più di due mesi fa.

I test sono stati somministrati ai lavoratori del mercato Xinfadi, a chiunque lo avesse visitato nelle ultime due settimane o a chiunque fosse entrato in contatto con entrambi i gruppi. Il mercato è il più grande mercato alimentare all’ingrosso di Pechino, spingendo a ispezionare carne e pesce freschi in città e altrove in Cina.

Le autorità hanno anche bloccato il quartiere attorno a un secondo mercato, dove sono stati confermati tre casi. Complessivamente, 90.000 persone sono colpite nei due quartieri della città di 20 milioni.

La Cina aveva allentato la maggior parte dei suoi controlli dopo che il Partito Comunista al potere aveva dichiarato la vittoria sul virus a marzo.

“Dobbiamo continuare ad adottare misure decisive per difenderci da casi esterni e risorgive interne e mobilitare tutte le unità per assumersi la responsabilità”, ha affermato Xu Hejian, direttore dell’ufficio informazioni del governo di Pechino.

Pechino ha sospeso il previsto riavvio di alcune scuole elementari e ha invertito il rilassamento di alcune misure di isolamento sociale.

Gli ispettori hanno trovato 40 campioni del virus nel mercato chiuso, anche su un tagliere per salmone importato. Ciò ha spinto alcune catene di supermercati a togliere il salmone dagli scaffali durante il fine settimana e ad ispezionare mercati, negozi e ristoranti.

Gli esperti dubitavano che il virus si stesse diffondendo attraverso il salmone o altri prodotti alimentari.

“Per i miei soldi, è più probabile che sia una persona che è venuta nell’area con molte persone e il virus si è diffuso, come fa il virus”, ha detto Ian MacKay, che studia virus presso l’Università del Queensland in Australia, aggiungendo non c’erano prove che suggerissero un legame tra focolai e cibo.

La Corea del Sud è anche tra quei paesi che cercano di prevenire una ripresa, riportando 37 nuovi casi di COVID-19. Le autorità hanno riferito che 25 di questi provenivano dalla zona di Seoul, dove le autorità sanitarie si stanno arrampicando per rintracciare le infezioni legate alle attività di intrattenimento e di svago, alle riunioni della chiesa, ai magazzinieri e ai venditori porta a porta.

In altri paesi ancora combattendo gravi focolai:

Anche se il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il suo paese stava emergendo dalla crisi sanitaria, le autorità hanno riportato 8.246 nuovi casi nelle ultime 24 ore, portando il totale a 537.210. La Russia, che ha registrato oltre 7000 decessi per il virus, è solo negli Stati Uniti e in Brasile per numero di infezioni.

Il ministro degli interni dell’India ha offerto 500 carrozze ferroviarie da utilizzare come reparti ospedalieri improvvisati mentre Nuova Delhi ha faticato a contenere un picco nei casi. Il Ministero della Sanità ha riportato un salto di oltre 11.000 infezioni a livello nazionale per il terzo giorno consecutivo.

L’Egitto ha riportato il più alto numero di nuovi casi e decessi in COVID-19 in un giorno, con 1.691 infezioni e 97 decessi. Ha il più alto tasso di mortalità nel mondo arabo, a 1.672, ma il governo ha resistito a un blocco completo per mantenere l’economia in funzione. Anche se i carichi di lavoro si moltiplicano, le autorità prevedono di riaprire gli aeroporti per il turismo verso destinazioni meno colpite il mese prossimo.

L’Ucraina ha ripreso i voli verso alcuni paesi, allentando un divieto in vigore dal 17 marzo. Le autorità chiederanno comunque a chi arriva da paesi con un elevato numero di infezioni di trascorrere due settimane in quarantena. Il carico di lavoro dell’Ucraina è aumentato di recente a quasi 32.000, a seguito della decisione di maggio di riprendere i trasporti pubblici e riaprire centri commerciali e palestre.

Negli Stati Uniti, dove sono proseguite le riaperture, il Governatore di New York Andrew Cuomo ha denunciato violazioni “dilaganti” delle restrizioni sui virus e ha affermato che ristoranti e bar potrebbero perdere le licenze per i liquori se non impongono maschere e distanze sociali.

“La gente sta violando tutto”, ha detto Cuomo lunedì, aggiungendo, “ai governi locali, dico di fare il tuo lavoro”.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

M5S: da Rousseau via libera a modifica mandato zero e alleanze...

0
Con 39mila sì alla modifica del mandato zero e 29mila sì alle alleanze locali, si è conclusa la votazione sulla piattaforma Rousseau che quindi sposa...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...