Dl scuola, Tiraboschi (Fi): senza formazione docenti è spreco soldi

180

“Per affrontare l’emergenza seguita al Covid 19 nel settore della scuola c’è bisogno di una maggiore qualità della spesa per l’istruzione; il corpo docente deve essere formato perché non è ancora pronto a trasmettere il sapere alla futura classe dirigente di questo Paese; la didattica a distanza deve essere migliorata potenziando le infrastrutture del Paese, portando la banda larga dove non c’è, puntando a ricreare un vero circolo virtuoso tra docenti, studenti, famiglie ed educatori”.

Così la senatrice di Forza Italia Virginia Tiraboschi nel corso del suo intervento in Aula a palazzo Madama sul dl Scuola. “Le assunzioni dei precari sono importanti per stabilizzare un settore – ha osservato la parlamentare azzurra – ma se non si parte dalla formazione del corpo docente, che oggi in larga parte non sa governare le nuove tecnologie, non saranno state altro che uno spreco di denaro pubblico”.

Per Tiraboschi “questo decreto poteva essere l’occasione per impostare un nuovo modello di scuola che deve essere sempre più un luogo dove si comunicano i saperi, dove si valorizza il capitale umano che sarà la futura classe dirigente e dove si individuano misure per arginare le povertà educative, come ha correttamente sottolineato Ferruccio de Bortoli alcuni giorni fa”.

“Per ripartire dopo l’emergenza Covid è indispensabile pensare a una scuola il cui motto può essere ‘qui non si insegna, ma si impara tutti insieme’, caratterizzato da una formazione che non segue il modello lineare della trasmissione del sapere da chi sa a chi non sa, ma dalla capacità di sviluppare, così come raccomandato dall’Oms, le ‘life skills’, implementate in un tragitto formativo verso la maturità attraverso la ‘cassetta degli attrezzi’, utile a costruire una personalità equilibrata da un punto di vista fisico e psichico”, conclude Tiraboschi.

close