Coronavirus: l’Europa chiude i suoi confini, Trump ammette il rischio di una recessione

254
controllo della temperatura

L’Unione europea ha annunciato che avrebbe chiuso i suoi confini per frenare la diffusione del coronavirus, mentre Donald Trump brandiva lo spettro di una recessione negli Stati Uniti.

L’epidemia ha già ucciso oltre 7000 persone in tutto il mondo, soprattutto in Europa, dove l’esplosione del numero di malati sta spingendo gli Stati a limitare le loro popolazioni. “Siamo in guerra”, ha insistito il presidente francese Emmanuel Macron, annunciando il divieto di movimenti non essenziali vietato da martedì a mezzogiorno. “Qualsiasi infrazione sarà sanzionata”, annunciando la sospensione per 30 giorni di tutti i viaggi tra paesi extraeuropei e l’UE.

Riferendosi a una “tragedia umana”, il G7, che si è incontrato con la videoconferenza, ha affermato di essere determinato a fare “tutto il necessario” per ripristinare la crescita globale, che si tratti di misure di bilancio e monetarie o azioni mirate.

Per la prima volta, Donald Trump ha ritenuto “possibile” una recessione negli Stati Uniti.

Alla domanda sul futuro di questa pandemia contro la quale tutti i paesi del pianeta si barricano uno per uno, il presidente americano ha parlato di una possibile fine dell’epidemia negli Stati Uniti a luglio o agosto. Raccomandando a tutti gli americani, compresi “i più giovani e in salute”, di evitare raggruppamenti “di oltre 10 persone”, ha ritenuto che la risposta della Casa Bianca meritasse un “10/10”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha sottolineato che ora ci sono più casi e decessi nel resto del mondo che in Cina, ha chiesto il test “per ogni caso sospetto”.

In Germania gli abitanti sono chiamati a “stare a casa” e a rinunciare alle vacanze. La Spagna ha chiuso i suoi confini terrestri, la Svizzera ha dichiarato lo stato di emergenza, vietando praticamente “tutte le manifestazioni pubbliche e private”. Il governo britannico chiede di evitare contatti e spostamenti “non essenziali”.

A migliaia di miglia di distanza, il governatore dello stato americano del New Jersey, un vicino di casa di New York, ha annunciato un coprifuoco su tutti gli affari e i viaggi non essenziali, il primo di questi Stati e il Canada vietano l’ingresso agli stranieri nel proprio territorio, esortandoli a non lasciare la propria casa. Martedì sarà una riunione straordinaria dei 27 leader dell’Unione Europea.

Luoghi santi, spiagge, ecc… 

Le restrizioni alle frontiere si aggiungono a una serie di misure adottate in diversi paesi. Scuole e università, ristoranti, bar, discoteche, cinema sono ora chiusi ovunque, compresi pub in Irlanda e bordelli nei Paesi Bassi.

Per non parlare di quattro importanti luoghi santi in Iran, tra cui il santuario di Machhad, il Taj Mahal in India, le moschee in Marocco, la sospensione delle preghiere collettive in Turchia, gli abitanti di Rio vengono chiamati a lasciare le spiagge.

Il mondo dello sport è fermo, i musei rimangono chiusi e le cancellazioni di eventi culturali sono in aumento. La città di Mosca ha annunciato la chiusura dal 21 marzo di tutte le scuole e martedì limiterà drasticamente qualsiasi attività di svago pubblico a causa della pandemia di coronavirus.

Black Monday nei mercati 

I mercati azionari riflettono questo stato d’animo, con un lunedì nero nonostante l’offensiva delle banche centrali.

L’American Federal Reserve (Fed) ha brutalmente abbassato i tassi di interesse a zero domenica e ha partecipato con centinaia di miliardi di dollari ad un’azione globale concertata con altre banche centrali – quelle del Giappone, del Regno Unito, Canada, dalla Svizzera – per fornire denaro al mondo. Ha effettuato una seconda operazione lunedì (500 miliardi).

Annunci che non sono bastati a rassicurare i mercati, paralizzati dai timori di una recessione globale di fronte a una pandemia che sembra rallentare nella sua culla asiatica ma si sta diffondendo in altri continenti.

I mercati azionari europei hanno chiuso la sessione lunedì in forte calo (5,31% a Francoforte, 4,71% a Londra) e quello di New York ha continuato a crollare dopo la ripresa degli scambi, interrotto poco dopo l’apertura. Il suo indice di punta, il Dow Jones, è crollato intorno alle 14:00 GMT del 9,51%.

Diverse compagnie aeree principali hanno ridotto significativamente le loro vele.

La compagnia tedesca Lufthansa eliminerà così “fino al 90%” delle sue capacità di volo a lungo raggio, i suoi colleghi americani chiederanno aiuti per 50 miliardi di dollari. In tutto il mondo, il numero di casi di Covid-19 identificati ufficialmente era lunedì a oltre 175.000 casi, secendo un rapporto internazionale.

La malattia ha ucciso oltre 7000 persone, tra cui 2.158 in Italia, il numero di contaminazioni che esplodono in Europa. Ora ci sono più morti registrati in altre parti del mondo che nella Cina continentale (3.213), il punto di partenza a dicembre della pandemia e il paese più colpito.

L’Italia, dove ci sono circa 28.000 casi, non ha “ancora raggiunto l’apice” del contagio, ha avvertito il suo Primo Ministro Giuseppe Conte. Il secondo paese più colpito in Europa, la Spagna (9.191 casi tra cui 309 decessi) ha registrato quasi 1.500 nuovi casi in 24 ore e il governo ha avvertito che il confinamento della popolazione sarebbe durato.

In Francia (127 morti e 5.423 casi con oltre 400 persone ricoverate in ospedale in gravi condizioni), la situazione “è molto preoccupante” e “si sta deteriorando molto rapidamente”, secondo le autorità.

Negli Stati Uniti, dove lunedì il diplomatico americano Mike Pompeo ha accusato la Cina di “seminare disinformazione e voci assurde” sull’origine del coronavirus, è in corso un primo studio clinico per un vaccino.