La Germania esorta la Siria, la Russia a proteggere i civili Idlib

145
Heiko Maas

Il ministro degli esteri tedesco ha chiesto al regime siriano e alla Russia di proteggere i civili a Idlib.

Heiko Maas ha detto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che i funzionari delle Nazioni Unite hanno descritto condizioni nella provincia in cui le persone si congelano a morte e che gli attacchi ai civili sono “crudeli oltre ogni immaginazione” in una scena di un’offensiva in corso che ha lasciato centinaia di migliaia di sfollati.

“La Germania invita il regime siriano e la Russia ad ascoltare queste voci, e per smetterla di ignorare i fatti. In quanto parti in conflitto, hanno l’obbligo di proteggere i civili”, ha affermato Maas. Ha detto che il regime e la Russia stanno invece bombardando scuole e ospedali. “Gli attacchi indiscriminati ai civili sono crimini di guerra e i responsabili devono essere ritenuti responsabili”, ha aggiunto. Un cessate il fuoco umanitario è essenziale, ha affermato il massimo diplomatico tedesco.

Idlib, vicino al confine meridionale della Turchia, rientra in una zona di escalation stabilita in un accordo tra Turchia e Russia alla fine del 2018. Il regime siriano e i suoi alleati, tuttavia, hanno costantemente infranto i termini del cessate il fuoco, lanciando frequenti attacchi all’interno del territorio, dove gli atti di aggressione sono espressamente vietati.

La zona di de-escalation ospita attualmente 4 milioni di civili, tra cui centinaia di migliaia di sfollati negli ultimi anni da parte delle forze del regime in tutto il paese dilaniato dalla guerra.

Circa 1 milione di rifugiati Idlib si sono spostati verso il confine turco negli ultimi mesi, fuggendo dagli attacchi del regime di Assad e dei suoi alleati, causando una disperata situazione umanitaria.

La Turchia ha chiesto di interrompere immediatamente gli attacchi a Idlib e di seguire il cessate il fuoco, avvertendo che se gli attacchi non si fermassero, agirebbe.