fbpx
adv-255
<< EUROPA

La Renault potrebbe tagliare le fabbriche per le perdite in dieci anni

| 15 Febbraio 2020 | EUROPA
Gruppo Renault

La casa automobilistica francese Renault ha annunciato venerdì che potrebbe tagliare le fabbriche come parte di un massiccio piano di risparmio dopo aver registrato la sua prima perdita dal 2009.

“Non abbiamo tabù e non escludiamo nulla”, ha detto il direttore generale Clotilde Delbos, intervistato durante una conferenza stampa sulla possibilità che le fabbriche in Francia o nel mondo possano essere chiuse.

“Il nostro obiettivo è di ridurre i nostri costi strutturali di almeno 2 miliardi di euro nei prossimi tre anni”, ha affermato osservando che il gruppo avrebbe annunciato il suo piano di inversione di tendenza a maggio.

adv-218

La Renault ha pubblicato venerdì mattina una perdita netta di 141 milioni di euro nel 2019, influenzata dal calo delle vendite e della redditività operativa, in un mercato globale in declino. Ha anche subito la caduta del contributo finanziario di Nissan, il suo alleato giapponese in difficoltà, e l’abbandono di un credito fiscale in Francia con un addebito di 753 milioni di euro.

Il gruppo ha visto i suoi volumi scendere del 3,4% l’anno scorso a 3,75 milioni di veicoli. E ancora non vede la fine del tunnel. Per il 2020, in un mercato mondiale ancora ribassista, Renault prevede un ulteriore deterioramento della sua redditività operativa.

“Il 2019 è stato un anno difficile per la Renault. Non siamo soddisfatti dei risultati”, ha commentato Delbos. Ma ha affermato di essere “convinta” che il produttore francese ha “tutte le risorse” da recuperare.

Ha citato i veicoli elettrici, di cui la Renault è stata pioniera e la gamma di veicoli “low cost” in cui la controllata rumena Dacia è la punta di diamante in Europa.

Renault ha venduto 10.000 veicoli della sua auto elettrica elettrica Zoe recentemente rinnovata a gennaio, una cifra record. Il produttore afferma di aver approfittato del progresso delle ultime versioni dei suoi “bestseller” Clio e Captur per aumentare i suoi prezzi di vendita.

Affidati a Nissan

Ma, come i suoi concorrenti, deve investire ingenti somme in ricerca e sviluppo per accelerare l’elettrificazione dei suoi modelli al fine di rispettare i massimali delle emissioni di CO2 stabiliti dall’Unione europea nella lotta contro il riscaldamento globale.

Per la signora Delbos, questa è una questione di preoccupazione, mentre i produttori sono “senza certezza sui gusti dei clienti” per questi veicoli.

Renault intende fare affidamento sul partner Nissan, di cui detiene il 43%, per risparmiare denaro. Dopo mesi di crisi a seguito della vicenda di Ghosn, i due gruppi intendono mettere in comune le loro tecnologie e fabbriche per generare sinergie che sono attese da anni.

Il presidente della Renault, Jean-Dominique Senard, nominato un anno fa, ha affermato la sua fiducia nel nuovo gruppo dirigente, con l’arrivo previsto a luglio di Luca de Meo, disertore di Seat (gruppo Volkswagen) e anche del reclutamento Gilles Le Borgne, direttore tecnico del rivale PSA (Peugeot, Citroën).

“L’intensità del lavoro dell’alleanza non è mai stata più forte da quando sono entrato nel gruppo”, ha assicurato il presidente Senard, suggerendo che la fase di instabilità, che ha seguito l’arresto di Carlos Ghosn in Giappone con una denuncia di Nissan a novembre 2018, è stato superato.

D’altra parte, “la Cina è fonte di preoccupazione”. La Renault è molto lontana dai suoi obiettivi di vendita nel paese, che l’anno scorso ha portato a un deprezzamento di 400 milioni di euro.

Inoltre, le previsioni per il 2020 non tengono conto di un possibile impatto della crisi sanitaria del nuovo coronavirus, impossibile da valutare. “Alcune parti stanno iniziando a esaurirsi in alcune fabbriche, quindi potremmo avere qualche giorno libero qui o là nelle prossime settimane. Non è un grosso problema se la produzione si avvia rapidamente”, ha detto Delbos.

TAG: Auto, crisi, crisi aziendali, Renault, Unione europa
adv-584
Articoli Correlati