lunedì, Settembre 21, 2020
Home EUROPA La Svizzera approva la legge anti-omofobia mediante referendum

La Svizzera approva la legge anti-omofobia mediante referendum

-

Domenica la Svizzera ha ampiamente approvato la legge che vieta la discriminazione fondata sull’orientamento sessuale, che è stata combattuta da gruppi conservatori.

I risultati nazionali danno il “SI” al 63%, con punteggi superiori al 70% in città come Ginevra o Basilea. Solo tre piccoli cantoni di lingua tedesca nel centro e nell’est hanno concesso una piccola maggioranza al voto “NO”.

Mathias Reynard, il parlamentare socialista dietro questa riforma del codice penale svizzero, ha elogiato RTS-1 “un giorno storico” e “un segnale magnifico per tutti gli interessati”.

Marc Frueh, difensore dei valori cristiani UDF, che ha lanciato questo referendum con il sostegno dell’Unione Democratica del Centro (UDC, destra populista), primo partito del paese, ha stimato che il ricorso al voto fosse giustificato nonostante il suo fallimento.

Il referendum “ha consentito al popolo svizzero di prendere una decisione”, ha affermato sullo stesso canale. Ha aggiunto, tuttavia, che la sua formazione rimarrà vigile sull’applicazione della riforma. L’UDC ha reagito in modo identico.

La nuova legge anti-omofobia espande la legislazione già esistente sulla lotta contro la discriminazione e chiede l’odio razziale o religioso, estendendolo all’orientamento sessuale.

Questa riforma del codice penale, adottata nel 2018, ha incontrato l’opposizione dei circoli conservatori e populisti, che hanno lanciato questo referendum nella speranza di bloccare una forma di “censura” e attaccare “la libertà di espressione, coscienza e commercio”.

Le altre parti hanno ritenuto che la protezione contro la discriminazione fondata sull’orientamento sessuale fosse insufficiente in Svizzera e hanno chiesto il voto “SI” alla riforma.

Multe e pena detentiva

I sostenitori del testo hanno anche sostenuto che la discriminazione basata sull’orientamento sessuale era già sanzionata in altri paesi europei e che il Consiglio d’Europa e le Nazioni Unite avevano chiesto alla Svizzera di rafforzare il proprio arsenale contro l’omofobia.

Il nuovo dispositivo “rafforza la protezione contro la discriminazione senza violare la libertà di espressione”, sostengono i detentori del testo nei loro argomenti.

La nuova legge punisce la denigrazione pubblica e la discriminazione di qualsiasi persona a causa del suo orientamento sessuale o di qualsiasi atteggiamento volto a suscitare odio nei loro confronti, scrivendo, parlando, immagini o gesti.

D’altra parte, non reprime le osservazioni fatte nella cerchia familiare o tra amici, ad esempio al tavolo di un caffè.

Ristoranti, hotel, compagnie di trasporto, cinema o piscine non possono rifiutare l’accesso di qualcuno a causa del loro orientamento sessuale. Il testo prevede multe o pene fino a tre anni di reclusione.

Tuttavia, nei circoli LGBT, alcuni temono che una protezione speciale li stigmatizzerà ulteriormente.

“Sto lottando per l’accettazione e la normalizzazione della mia sessualità. Ma per me, normalizzare significa anche non richiedere diritti speciali”, ha affermato prima del voto Michael Frauchiger, copresidente del comitato “Diritti speciali NO!”.


close







close






4,103FansLike
1,169FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

In 100.000 per chiedere le dimissioni del presidente bielorusso

0
Decine di migliaia di bielorussi che chiedono le dimissioni del presidente autoritario hanno marciato per la capitale domenica mentre l'ondata di proteste del paese...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...