adv-884
<< AMBIENTE

Proteste in Germania: il governo approva la legge sull’uscita del carbone

| 30 Gennaio 2020 | AMBIENTE
wld_mask-merkel

A Berlino mercoledì i ministri tedeschi hanno firmato una legge per porre fine alla generazione di elettricità con il carbone che i manifestanti e gli ambientalisti dicono che fa troppo poco, troppo tardi.

La bozza di 202 pagine, sotto il grosso titolo tedesco di “Kohleverstromungsbeendigungsgesetz” (KVBG), prevede un’uscita a vuoto dal carbone entro il 2038. Entro tale data, tutte le centrali elettriche a carbone e le miniere di carbone in Germania dovrebbero essere inattive. Fuori dall’ufficio del cancelliere Angela Merkel, i manifestanti hanno esibito cartelli con la scritta “Chiudi le centrali a carbone ORA” e “Smash (compagnia elettrica) RWE”.

In una leggera concessione alla pressione delle strade, in particolare il movimento giovanile “Venerdì per il futuro”, il calendario delle uscite potrebbe essere aumentato fino al 2035 sulla base delle revisioni previste per il 2026 e il 2029. “Quello che il governo sta facendo è avviare a una grande e fondamentale trasformazione delle nostre forniture energetiche”, ha detto ai giornalisti a Berlino i portavoce della Merkel, Steffen Seibert. Ciò era vero “anche se alcuni elementi di questa legge sono ovviamente discussi nella sfera pubblica e criticati”, ha aggiunto.

Attivisti e gruppi come Greenpeace affermano che la legge pianificata è molto al di sotto di ciò che è necessario affinché la Germania mantenga le sue promesse sul clima. “Siamo nel mezzo di una crisi climatica ed è ingiustificabile che le centrali a carbone continuino a riscaldare la Terra per altri 18 anni”, ha dichiarato Lisa Goeldner, esperta del settore energetico di Greenpeace. “Questo disegno di legge disdegna le centinaia di migliaia di voci dei giovani” che hanno dimostrato di agire rapidamente per il clima, ha aggiunto Quang Paasch del movimento Fridays for Future.

Blues carbone marrone

Tra le prime centrali a carbone in cui si spengono le luci c’è una gestita dal gigante dell’energia RWE, vicino all’enorme miniera a cielo aperto di Garzweiler nella Germania occidentale. Chiusa il 31 dicembre, la centrale elettrica brucia carbone bruno, noto anche come lignite, una forma particolarmente inquinante del combustibile fossile. Altri seguiranno più tardi, in particolare nelle aree deindustrializzate dell’ex oriente comunista del paese. Il governo ha promesso aiuti per circa 40 miliardi di euro alle regioni colpite per aiutare a rimodellare le loro economie.

E i ministri pagheranno alle compagnie elettriche quasi 4,4 miliardi di euro di risarcimento per la chiusura degli impianti prima della fine prevista della loro vita operativa, ripartita tra “i 15 anni successivi alle chiusure”. Nel frattempo, la decisione di consentire alla più recente centrale a carbone della Germania, nota come Datteln 4, di iniziare a produrre energia è stata ampiamente criticata. I politici sostengono che abbia senso mettere offline prima le stazioni di carbone marrone. Ma i manifestanti hanno già preso di mira l’impianto come simbolo della politica del governo, affermano che i valori compromettono con i gruppi di interesse sull’urgenza ambientale.

Obiettivi ambiziosi

La Germania si è impegnata a ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 55 percento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. Ma Berlino ha già riconosciuto che quest’anno non raggiungerà il suo obiettivo. “Entro il 2030 saranno implementate ulteriori costruzioni di energia rinnovabile fino al 65 percento dei consumi” in un progetto di legge che sarà presto presentato, mercoledì il ministro dell’economia Peter Altmaier ha scritto ai colleghi di gabinetto.

La potente federazione del settore industriale BDI ha avvertito che le imprese “sono minacciate da gravi svantaggi nella loro competitività internazionale” se l’offerta affidabile e conveniente non è garantita. Nelle ultime settimane, ministri e legislatori hanno combattuto sui piani per vietare la costruzione di turbine eoliche entro un chilometro dagli insediamenti abitati. La mossa per placare un presunto contraccolpo contro l’energia eolica tra le popolazioni rurali è stata lanciata come un passo nella direzione sbagliata dai sostenitori del clima.

TAG: ambiente, centrali elettriche a carbone, clima, Germania, greenpeace
adv-377
Articoli Correlati