Proposta di legge sulla trasparenza delle fondazioni, che fine ha fatto?

166
camera dei deputati

Dopo il caso della Fondazione Open vicina all’ex premier Matteo Renzi il Movimento cinque stelle chiede a gran voce una commissione d’inchiesta sui fondi ai partiti. Ma da tempo i pentastellati stanno proponendo in Parlamento anche una stretta sugli enti che finanziano i soggetti e i movimenti politici.

In Senato da due legislature il parlamentare del movimento Alberto Airola ha presentato un disegno di legge che riguarda ‘Disposizioni in materia di trasparenza e pubblicità degli statuti e dei bilanci delle fondazioni e delle associazioni che erogano finanziamenti a partiti e movimenti politici’.

Il testo è stato assegnato in commissione Affari Costituzionali a Palazzo Madama il 20 gennaio del 2018 ma l’esame non è mai stato avviato. Airola lo ha ripresentato in avvio di legislatura.

“Le fondazioni po­litiche – si legge nella presentazione della proposta – finiscono per rivestire la funzione di un ‘salvadanaio’ oggetto di depositi da parte di persone o enti che, in cambio, desiderano accedere a relazioni. Nonostante alcuni infruttuosi tentativi di porvi mano, il problema continua ad esistere. Nel 2012, nell’ambito della discussione alla Camera sul taglio dei rimborsi elettorali, venne bocciato l’emendamento che mirava a imporre le stesse regole di trasparenza previste per i partiti anche alle fondazioni. Obbligo di trasparenza – si spiega – che due anni più tardi veniva espressamente previsto nell’am­bito della legge sull’abolizione del finanzia­mento pubblico ai partiti ma che – di fatto – resta inapplicato perché prevede obblighi di trasparenza solo per le fondazioni i cui ‘organi direttivi’ siano nominati ‘in tutto o in parte’ dai partiti e la maggior parte delle fondazioni non ricade in questa fattispecie.

Il testo di Airola prevede che alle fondazioni e alle associazioni (non solo quelle con vertici nominati dai partiti) che erogano a qualsiasi titolo somme, servizi o altro beneficio, destinati direttamente o indirettamente al finanziamento in favore di partiti, movimenti politici o loro articolazioni interne o di parlamentari o consiglieri regionali si applicano le prescrizioni sulla trasparenza e la pubblicità degli statuti e dei bilanci.

Le fondazioni sono dunque tenute ad assicurare la trasparenza e l’accesso alle informazioni relative al proprio assetto statutario, agli organi associativi, al funzionamento interno e ai bilanci, anche mediante la realizzazione di un sito internet che rispetti i principi di elevata accessibilita’, di completezza di informazione, di chiarezza di linguaggio, di affidabilita’, di semplicita’ di consultazione, di qualita’, di omogeneita’ e di interoperabilita’.

Il disegno di legge potrebbe riprendere il proprio cammino in Parlamento al termine della sessione di bilancio nella quale si approva la Finanziaria.