fbpx
adv-604
<< IL FORMAT

Tennis, ATP Finals: Tsitsipas batte Thiem in tre set e si aggiudica il torneo

| 19 Novembre 2019 | IL FORMAT

E’ Stefanos Tsitsipas il nuovo campione delle ATP Finals, il torneo di fine anno a cui partecipano gli otto migliori giocatori al mondo. Il greco si è imposto in tre set sull’austriaco Dominic Thiem, con il punteggio di 67(6) 62 76(4) e al termine di una combattutissima ed entusiasmante partita, che ha visto entrambi i tennisti esprimersi in un gioco di altissimo livello.

Tsitsipas, con la vittoria di questo prestigioso titolo, che, per importanza e punti assegnati, si colloca al di sotto soltanto dei quattro Slam, entra a far parte dei grandi del momento, e non solo. E’ infatti il più giovane vincitore delle Finals dal lontano 2001, edizione che vede trionfare uno Hewitt appena ventenne (il torneo, allora, si disputava a Sydney) e il più giovane esordiente, a 21 anni e 3 mesi, ad aggiudicarsi il Master dai tempi del diciannovenne John McEnroe, nel 1978.

La partita

Il primo set, che si apre con Tsitsipas al servizio, è all’insegna di un assoluto equilibrio. Nessuno dei due sembra intenzionato a cedere il proprio turno di battuta (sia Stefanos che Thiem annullano delle palle break) e l’unica soluzione per chiudere il parziale è il tie-break, che si rivelerà ricco di colpi di scena e di punti spettacolari. Thiem, avanti 5-2 si fa rimontare dal greco, ma dal 5 pari in poi mantiene la freddezza ed è bravo a sfruttare un errore di diritto dell’avversario e poi a conquistarsi il tie-break con il punteggio di 8 a 6.

adv-219

Il secondo set, invece, vede un capovolgimento di forze e si concretizza con la presa in mano della situazione da parte del greco. Tsitsipas strappa il servizio all’avversario in due occasioni e si aggiudica il secondo tempo della partita per 6 giochi a 2. E’ nettamente più aggressivo dell’austriaco in risposta e non concede possibilità di palle break in battuta.

Ci avviciniamo all’epilogo. Ora è soltanto questione di coraggio e di avere i nervi saldi.
Tsitsipas si prende subito un break e conduce per 3 a 1, ma Thiem ottiene il contro break e riporta la partita in parità. Senza ulteriori rischi al servizio, si arriva al 6 pari: l’ultimo torneo della stagione si risolverà con un altro tie-break.

Come nel primo set, il greco si guadagna un mini break e va verso la vittoria: 4 a 1. E, come nel primo set, l’austriaco pareggia i conti: 4 pari. Ora però le cose vanno diversamente, Thiem lascia all’avversario un altro mini break e Tsitsipas sfrutta al meglio i suoi due servizi, vincendo il tie-break finale con il punteggio di 7 a 4 e proclamandosi “Maestro” dell’anno 2019.

I giocatori

Anche Thiem, che per l’ennesima volta dà vita ad una partita pazzesca, dove tutte le sue doti, atletiche e mentali, hanno modo di trovare attuazione, nonostante la sconfitta, ha saputo disputare un ottimo match. Le continue rimonte ed i punti esaltanti sono a dimostrazione del suo carattere ostinato. La finale, però, si è decisa per pochissimi punti e Tstitsipas è stato più caparbio o, forse, più fortunato.

Per l’ateniese, attualmente n.6 del Ranking ATP, si tratta dell’impresa più importante in carriera, che però non arriva per caso, ma giunge in conclusione di una grandissima annata. Sono infatti tre i titoli vinti in questo 2019 (l’Open di Marsiglia, il Millennium Estoril Open e, appunto, le Finals di Londra) e tre le finali raggiunte (a Dubai, Madrid e Pechino). Soltanto un anno fa Stefanos si trovava in 15° posizione e vinceva le Next Gen Finals, non potendo accedere, per limiti di classifica, al Master londinese. Ora, uno dietro l’altro, e nel quinto torneo più importante del circuito ATP, ha sconfitto Medvedev, Zverev, Nadal, Federer e Thiem.

I progressi del giocatore sono quindi sotto gli occhi di tutti e, date la costanza, la determinazione e l’elevata resa durante tutti gli incontri ed in tutte le superfici, le attese su di lui sono molto alte. Riuscirà il talento di Atene a non deludere così forti aspettative?

TAG: ATP Finals, London, Tennis, Thiem, Tsitsipas
adv-45
Articoli Correlati